Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.277,49
    +70,07 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    33.677,97
    -103,51 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    11.084,18
    +2,18 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    71,36
    -0,10 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    16.272,12
    -187,47 (-1,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,74
    -2,51 (-0,62%)
     
  • Oro

    1.811,20
    +9,70 (+0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0549
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    3.958,36
    -5,15 (-0,13%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,62
    +21,35 (+0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8592
    -0,0033 (-0,39%)
     
  • EUR/CHF

    0,9845
    -0,0039 (-0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,4370
    +0,0025 (+0,17%)
     

Nord Stream sabotato nel Baltico, per Svezia e Danimarca: "Un atto deliberato"

DANISH DEFENCE / ANADOLU AGENCY / ANADOLU AGENCY VIA AFP

AGI - Gli Stati Uniti hanno dichiarato di essere pronti ad aiutare gli alleati europei per la sicurezza energetica dopo che sono state rilevate perdite nei gasdotti Nord Stream e hanno detto che stanno valutando se si tratti di un sabotaggio.

Il Segretario di Stato Usa, Antony Blinken ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno esaminando le notizie secondo cui le perdite sarebbero "il risultato di un attacco o di un qualche tipo di sabotaggio"."Se la notizia è confermata, è chiaro che non è nell'interesse di nessuno", ha detto Blinken.

"Mi sembra di capire che le perdite non avranno un impatto significativo sulla resistenza energetica dell'Europa", ha detto Blinken - "ciò che è fondamentale è che stiamo lavorando giorno per giorno, sia a breve che a lungo termine, per affrontare la sicurezza energetica dell'Europa e di tutto il mondo".

Il Segretario di Stato Usa ha, inoltre, sottolineato gli sforzi degli Stati Uniti per aumentare le spedizioni di gas naturale liquefatto dopo l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca, mentre gli alleati americani, in particolare la Germania, cercano di ridurre la loro dipendenza dall'energia russa.

Attacchi, sabotaggi o provocazioni? Un vortice di accuse, sospetti e polemiche internazionali si è scatenato intorno al mistero delle tre falle nei gasdotti Nord Stream 1 e 2 che hanno provocato dei sensibili cali di pressione nonché una perdita nel Mar Baltico.

La premier danese, Mette Frederiksen, ha affermato che le perdite sono dovute ad "atti deliberati" e "non a un incidente". Il ministro danese dell'Energia e del Clima, Dan Jorgensen, da parte sua ha stimato che le perdite dovrebbero durare "almeno una settimana", ovvero fino all'esaurimento del metano che fuoriesce dai tubi sottomarini.

"E' fondamentale ora indagare sugli incidenti, ottenere piena chiarezza sugli eventi e sul perché. Qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee attive è inaccettabile e porterà alla risposta più forte possibile", scrive la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un tweet in cui dà conto di una telefonata con Frederiksen "sull'azione di sabotaggio di Nord Stream".

La società Nord Stream Ag riferisce che “non è chiaro quando il sistema torni ad essere funzionante”, e spiega che le due falle del primo gasdotto “sono molto vicine una all'altra”, anche se si trovano “una nella zona economica svedese e una nella zona economica danese”. Sul tema è intervenuto anche il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, il quale ha affermato che un eventuale sabotaggio "non sarebbe nell'interesse di nessuno" ma ha sottolineato che la perdita "non avrà un impatto significativo sulla resilienza energetica europea".

"Due forti esplosioni"

L'osservatorio sismico svedese ha rivelato "due forti esplosioni" nelle acque nei pressi del tratto del gasdotto Nord Stream interessato da perdite, riferisce la televisione nazionale svedese Stv.

"Non c'è dubbio che si tratti di esplosioni", ha dichiarato all'emittente Bjorn Lund, docente di sismologia e direttore della rete sismica nazionale svedese, "si vede chiaramente come le onde rimbalzino dal fondo alla superficie. Non c'è dubbio che sia stato uno scoppio". Una delle esplosioni, aggiunge Stv, ha avuto una magnitudo di 2,3 ed è stata registrata in ben 30 stazioni di misurazione nel Sud della Svezia.

La prima esplosione è stata registrata alle 02:03 della notte di lunedì e la seconda alle 19:04 di lunedì sera e gli allarmi sulle fughe di gas sono arrivati ​​dall'amministrazione marittima rispettivamente alle 13:52 e alle 20:41 di lunedì, dopo che alcune navi avevano rilevato bolle in superficie. Svt afferma di aver ottenuto le coordinate delle esplosioni, che si troverebbero nella stessa area in cui sono state registrate le fughe di gas.

Lund ha escluso al momento che le deflagrazioni siano legate a esercitazioni militari, come a volte accade. Già lunedì sera le autorità danesi avevano parlato di una “pericolosa” fuoriuscita di gas disponendo immediatamente un divieto di navigazione e di sorvolo in un'area a sud dell'isola danese di Bornholm, a nord-est e a sud-est della quale sono state rilevate le perdite.

Una strana coincidenza

I gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2 attraversano entrambi il Mar Baltico per trasportare il gas naturale dalla Russia alla Germania, e oggi sia le autorità di sicurezza tedesche che quelle danesi hanno avviato approfondite indagini: sarà un caso, ma tutto questo accade mentre è prevista l'inaugurazione di una nuova pipeline per rendere la Polonia e altri Paesi europei meno dipendenti dal gas russo, la Baltic Pipe.

In conseguenza dell'attacco della Russia all'Ucraina, sia per il “congelamento” di Nord Stream 2 imposto e poi per la chiusura dei rubinetti di Nord Stream 1 da parte di Mosca, nessuno dei due gasdotti trasporta attualmente gas naturale verso l'Europa: tuttavia, entrambe le pipeline risultano piene. Materia incandescente, che ha scatenato immediatamente il meccanismo delle accuse reciproche.

La Germania ipotizza degli “attacchi” ai gasdotti - come delle fonti hanno rivelato al quotidiano Tagesspiegel - tanto che al governo federale guidato da Olaf Scholz si ritiene che questi danneggiamenti alle pipeline “non siano un caso”. In termini non troppo dissimili si è espressa la premier danese Matte Frederiksen: “Difficile immaginare che si tratti di perdite accidentali”.

Il Cremlino "estremamente preoccupato"

A seguire, la presa di posizione dello stesso Cremlino che oltre a dirsi “estremamente preoccupato”, afferma – per bocca del portavoce Dmitry Peskov – di non escludere “nessuna opzione”, tra cui “il sabotaggio”. Speculare e opposta la reazione che arriva dalla Polonia: “Purtroppo il nostro vicino a est persegue costantemente una politica aggressiva”, ha attaccato il viceministro agli Esteri polacco Marcin Przydacz a Varsavia, aggiungendo che se la Russia “è in grado di mettere in atto un'aggressione all'Ucraina, è chiaro che non si possono escludere provocazioni che si riguardino l'Europa occidentale”.

E di “sabotaggio” parla esplicitamente, ma puntando appunto il dito contro Mosca, il premier polacco Mateusz Morawiecki: “Non conosciamo i dettagli, ma vediamo chiaramente che siamo di fronte ad un atto di sabotaggio”. Intervenendo alla presentazione del gasdotto Baltic Pipe, Morawiecki ha incalzato: “Probabilmente siamo ad una nuova tappa di un'escalation, come accade anche in Ucraina”.

Il gasdotto della discordia

Negli anni passati il governo polacco aveva espresso la ferma contrarietà alla realizzazione del progetto Nord Stream 2, originariamente volto a moltiplicare il flusso di gas dalla Russia all'Europa, ed in particolare alla Germania, con l'argomento che la dipendenza energetica sarebbe stata usata dal Cremlino come uno strumento di pressione politica. Stesso argomento, peraltro, ribadito con forza negli anni da Washington e da Parigi, motivo per cui sul tema Nord Stream si sono registrate non poche tensioni con Berlino.

L'anno scorso i lavori per la realizzazione di Nord Stream 2 erano stati portati a termine, ma la Germania non ha mai dato il via libera alla sua messa in funzione, proprio a causa dell'invasione russa.  Intanto l'Agenzia federale tedesca che gestisce la rete energetica ha messo le mani avanti dichiarando che non vi sarebbero state conseguenze sulla sicurezza energetica. Nondimeno, si aggiunge nella nota, “stiamo cercando di fare luce” insieme al ministero per l'Economia sulle falle alle pipeline, ma “attualmente non conosciamo ancora le cause” della perdita di pressione.