Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.906,17
    +365,52 (+1,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Numero chiuso alle spiagge, flop e contestazioen a Napoli

spiagge napoli
spiagge napoli

Si registra un flop nel primo giorno di applicazione del numero chiuso alle spiagge di Napoli: nessun controllo da parte dei gestori dei lidi che accusano il comune “Tocca a loro effettuare i controlli”.

Spiagge di Napoli, subito flop il numero chiuso

A partire dal 1 luglio a Napoli, in accordo con l’Autorità Portuale, si sarebbe dovuto applicare il numero chiuso alle spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, ma qualcosa è andato storto.

La conta dei bagnanti infatti è stata saltata, o meglio, mai del tutto fatta partire dai gestori dei lidi: “Noi non abbiano neppure ricevuto il protocollo d’intesa che avremmo dovuto firmare. Ci siamo limitati a partecipare ad un incontro alcune settimane fa, poi basta“.

La colpa è del Comune

Secondo il gestore del lidi di palazzo Donn’Anna però la colpa sarebbe da attribuire a monte al comune partenopeo: “Secondo il Comune dovremmo garantire anche il salvamento sulla spiaggia libera qui a fianco. Bene, servono altri 4 bagnini. Se li assumono loro, va benissimo. Io non ho alcuna autorità per chiedere il documento di identità“, ha poi dichiarato un addetto alla vigilanza dell’hotel.

Come dichiarano alcuni testimoni e addetti ai lavori, ad aggravare la posizione del comune sarebbe l’assenza di un rappresentante sui lidi, giusto per monitorare la situazione.

I gestori si oppongono

Nella giornata di venerdì in piazza Municipio hanno manifestato i gestori dei lidi, piazzando ombrelloni e sedie davanti a Palazzo San Giacomo.

Come già accaduto giorni prima dell’approvazione del protocollo, i gestori delle spiagge libere chiedono la revoca del numero chiuso: Il problema del sovraffollamento delle spiagge pubbliche si risolve allargandole, non riducendo ulteriormente il diritto al mare dei napoletani. Si rimuovano cancelli e ostacoli privati che illegittimamente impediscono l‘accesso al mare”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli