Italia markets close in 1 hour 54 minutes
  • FTSE MIB

    24.408,58
    +343,53 (+1,43%)
     
  • Dow Jones

    31.407,86
    +154,73 (+0,50%)
     
  • Nasdaq

    11.489,81
    +101,32 (+0,89%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,23
    +0,02 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    28.649,90
    +353,70 (+1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    675,17
    +1,80 (+0,27%)
     
  • Oro

    1.840,40
    -0,80 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.929,28
    +28,49 (+0,73%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.697,91
    +57,36 (+1,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8456
    -0,0025 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0286
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,3517
    -0,0052 (-0,38%)
     

Nuova condanna per Claude Guént, braccio destro del presidente Nicolas Sarkozy

·2 minuto per la lettura
francia
francia

In Francia, l’ex segretario generale dell’ex presidente Nicolas Sarkozy, Claude Guéant, ha ricevuto una nuova condanna a otto mesi di reclusione per aver illecitamente favorito alcune società di sondaggi, senza ricorrere a gare d’appalto e pagandole con fondi pubblici.

Francia, sondaggi truccati all’Eliseo: condannato l’ex segretario generale di Sarkozy

L’ex segretario generale dell’allora Presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy (2007-2012), Claude Guéant, è stato nuovamente condannato per alcuni fatti avvenuti mentre ricopriva l’alta carica di Governo. Claude Guéant, infatti, è stato condannato a otto mesi di reclusione per aver avvantaggiato alcune società di sondaggi, senza ricorrere a gare d’appalto e pagandole con fondi pubblici.

Con queste modalità, quindi, pare siano stati effettuati 135 sondaggi che riguardavano l’ex presidente della Repubblica Sarkozy e altri esponenti del mondo politico.

In merito all’accaduto, è stato riferito che Nicolas Sarchozy non è stato perseguito per legge in quanto beneficia dell’immunità presidenziale ma ha scelto di non rispondere alle domande che gli sono state poste nel momento in cui è stato convocato come testimone nel mese di novembre 2021.

In seguito alla nuova condanna ricevuta, l’avvocato di Claude Guéant ha riferito che procederà presentando ricorso.

Francia, condannato l’ex segretario generale di Sarkozy: le dichiarazioni di Claude Guéant

L’ex segretario generale Guéant, 77 anni, non ha preso parte all’udienza in quanto si trova in carcere dal 13 dicembre 2021 dopo essere stato condannato per la vicenda legata ai bonus di denaro del ministero dell’Interno.

Anche a questo proposito, il legale di Guéant ha presentato istanza di scarcerazione che verrà esaminata il prossimo 7 febbraio. In relazione alla reclusione, scattata quanto il 77enne si è rifiutato di pagare danni e multa, l’ex segretario generale ha dichiarato: “Ho fatto quanto ho potuto per pagare i debiti. Vivo molto modestamente, aiuto i miei figli che si trovano in una situazione drammatica e pago la mia collaboratrice domestica, che non ho voluto licenziare a 61 anni”.

Francia, condannato l’ex segretario generale di Sarkozy: ipotesi “pacco di corruzione”

Il discorso di Claude Guéant, però, non ha convito il pm secondo il quale “il signor Guéant rasenta il disprezzo per la decisione del tribunale che è arrivata a sanzionarlo per la sua negligenza”.

Al momento, l’ex segretario generale è indagato anche per presunto finanziamento libico della campagna elettorale di Nicolas Sarkozy, organizzata nel 2007.

In questo contesto, gli investitori hanno scoperto che il 77enne aveva ricevuto su un suo conto 500 mila euro in data 3 marzo 2008. A proposito dei solti, aveva asserito di aver ricevuto il pagamento per la vendita di due dipinti fiamminghi.

Secondo gli inquirenti, però, potrebbe trattarsi di una possibile contropartita di un “pacco di corruzione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli