Italia markets open in 6 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    -9,93 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    28.686,22
    +140,04 (+0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2164
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    26.432,30
    -584,36 (-2,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    645,89
    -1,44 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    29.570,13
    +178,87 (+0,61%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     

Nuova offerta cinese per rilevare Iveco

Redazione
·1 minuto per la lettura
Nuova offerta cinese per rilevare Iveco
Nuova offerta cinese per rilevare Iveco

Trattativa riaperta tra il gruppo automobilistico cinese Faw e Cnh Industrial, controllata da Exor, per la cessione delle attività del marchio Iveco

Il gruppo automobilistico cinese Faw torna alla carica per l’acquisizione da Cnh Industrial del marchio Iveco. L’indiscrezione è stata rilanciata da Reuters, che cita fonti vicine alla trattativa. Lo scorso luglio Cnh, controllato dalla holding della famiglia Agnelli Exor, aveva rifiutato un’offerta da circa 3 miliardi di euro da parte della stessa Faw.

TRATTATIVA CONFERMATA

Ma ora la First Automobile Works (Faw), società interamente controllata dallo Stato, sarebbe nuovamente interessata ad acquisire Cnh nell’ottica di espandersi fuori dai confini cinesi con il suo marchio di camion Jienfang. Al momento un responsabile di Cnh Industrial ha confermato che il gruppo è in trattativa con Faw per Iveco, anche se non sono stati rivelati altri dettagli.

CNH IN CRESCITA IN BORSA

Il titolo ha reagito positivamente alla possibile cessione del marchio Iveco. A Piazza Affari Cnh Industrial è in crescita di oltre 3 punti percentuali. Tuttavia, la stessa Reuters ha ricordato come Cnh sia anche in trattativa con un’altra azienda cinese, Shandong Heavy Industry Group. Alla fine del 2020, Shandong avrebbe offerto 3,5 miliardi di euro per chiudere l’acquisizione. La cessione di Iveco sarebbe un’alternativa al piano industriale di Cnh che, nel 2019, aveva stabilito di dividere l’attività di produzione camion da quella di autobus allo scopo di aumentare il valore complessivo della società.