Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.504,67
    -830,90 (-2,93%)
     
  • Nasdaq

    11.295,04
    -253,25 (-2,19%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1823
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • BTC-EUR

    10.906,18
    -192,90 (-1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,05
    -6,37 (-2,42%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.381,99
    -83,40 (-2,41%)
     

Nuove linee guida Ue per aiuti di Stato contro "carbon leakage"

Loc
·2 minuti per la lettura

Bruxelles, 21 set. (askanews) - La Commissione europea ha adottato oggi a Bruxelles delle "linee guida" sugli aiuti di Stato nell'ambito del sistema Ets di scambio di quote di emissioni dell'Ue ("borsa dei diritti di emissione"), che si applicheranno a partire dale primo gennaio 2021, sostituendo le precedenti Linee Guida adottate nel 2012. Le nuove linee guida Ets mirano a ridurre il rischio di "carbon leakage" (rilocalizzazione delle emissioni di carbonio), che si verifica quando le aziende spostano la produzione nei paesi al di fuori dell'Ue che hanno adottato politiche climatiche meno ambiziose, in modo da diminuire i costi; ne conseguono una diminuzione dell'attività economica nell'Ue e una mancata riduzione delle emissioni di gas serra a livello globale. Le linee guida abilitano gli Stati membri a compensare le società nei settori più a rischio di "carbon leakage" per una parte dei prezzi più elevati dell'elettricità risultanti dalla partecipazione al sistema Ets. Allo stesso tempo, c'è il rischio che una eventuale sovracompensazione delle aziende contrasti con i segnali di prezzo creati dall'Ets per promuovere la decarbonizzazione dell'economia, e crei indebite distorsioni della concorrenza nel mercato unico. In questo quadro, le linee guida Ets riviste indirizzeranno gli aiuti solo ai settori a rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio a causa degli elevati costi della partecipazione alla borsa delle emissioni e della loro forte esposizione al commercio internazionale. Sulla base di una metodologia oggettiva, sono stati selezionati 10 settori e 20 sottosettori come ammissibili (rispetto a 14 settori e 7 sottosettori delle linee guida precedenti). Inoltre, è stato fissato un tasso di compensazione stabile del 75% nel nuovo periodo (ridotto dall'85% al inizio del precedente periodo di scambio Ets), ed è stata esclusa la compensazione per inefficienze tecnologie, in modo da mantenere gli incentivi delle aziende all'efficienza energetica. La compensazione, infine, sarà condizionata a ulteriori sforzi di decarbonizzazione da parte delle aziende interessate, come il rispetto delle raccomandazioni dei loro audit sull' efficienza energetica.