Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    30.134,27
    -38,72 (-0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    725,87
    +10,67 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

I nuovi dati Covid pubblicati sul report dell'Istituto Superiore di Sanità

·2 minuto per la lettura
Monitoraggio Iss, l’indice Rt scende a 0,91: sedici regioni sotto l’1
Monitoraggio Iss, l’indice Rt scende a 0,91: sedici regioni sotto l’1

Secondo i dati riportati nell’ultimo monitoraggio congiunto Iss/ministero della Salute l’indice Rt in Italia è sceso a 0,91, con valori sotto l’1 in sedici regioni e con soltanto tre regioni che rimangono ad alto rischio: Calabria, Puglia e Sardegna. Le statistiche riportate fanno riferimento al periodo compreso tra l’11 e il 24 novembre 2020 ed evidenziano un sostanziale miglioramento della situazione rispetto al monitoraggio precedente, ma secondo gli esperti è ancora troppo prematuro parlare di un eventuale rilassamento delle restrizioni.

Monitoraggio Iss, indice Rt a 0,91

Nel documento dell’Iss si può inoltre leggere che: L’impatto della epidemia sui servizi sanitari assistenziali rimane alto. Diciotto tra regioni e province autonome, il primo dicembre avevano superato almeno una soglia critica in area medica o Terapia intensiva. Il tasso di occupazione dei posti letto in Terapia Intensiva supera ancora la soglia critica di occupazione a livello nazionale”. Dal 24 novembre al 1 dicembre risulta tuttavia in diminuzione sia il numero complessivo di ricoverati in terapia intensiva che quello dei ricoverati in area medica.

In calo anche l’incidenza dei contagi a livello nazionale, che dai 706.27 per 100mila abitanti nel periodo che va dal 9 all’11 novembre passa ai 590.65 casi per 100mila abitanti nel periodo dal 23 al 29 novembre. Migliora inoltre anche l’attività di tracciamento dei contagi sul territorio, infatti: “Si continua ad osservare una diminuzione nel numero di casi non riconducibili a catene di trasmissione note (62.617 contro 77.541 della settimana precedente): questo dato, insieme all’aumento nella percentuale dei casi rilevati attraverso attività di tracciamento dei contatti (24,7% contro 17,1%) suggerisce un miglioramento dell’attività di tracciamento stessa.

I dati delle singole regioni

Sempre nel documento sono stati inoltre illustrati i dati delle singole regioni, che registrano tutte una sostanziale discesa dell’indice Rt. In ordine alfabetico troviamo infatti Abruzzo 0,85, Basilicata 0,76, Calabria 1,06, Campania 0,74, Emilia-Romagna 0,99, Friuli-Venezia Giulia 0,92, Lazio 1,04, Liguria 0,68, Lombardia 0,93, Marche 0,74, Molise 1,38, Piemonte 0,72, Bolzano 0,8, Trento 0,83, Puglia 0,89, Sardegna 0,61, Sicilia 0,79, Toscana 1,01, Umbria 0,71, Valle d’Aosta 0,79, Veneto 1,13.