Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.588,65
    -242,36 (-0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,0122%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Nuovi dubbi sulla morte di Maradona: il litigio col medico poi sparito. Stasera Napoli con maglia albiceleste FOTO

·2 minuto per la lettura

Mentre le lacrime e gli omaggi del mondo non si fermano, la Procura di San Isidro, nella figura di John Broyad, indaga sul decesso di Diego Armando Maradona. Poteva essere evitata la sua morte?

IL SILENZIO DEL MEDICO - Sotto osservazione ci sono le frasi della dottoressa Dahiana Madrid, obbligata a firmare una dichiarazione secondo la quale aveva controllato le condizioni di Diego per tutta mattina. E poi la mancanza di un defibrillatore e di un medico attivo 24 ore al giorno. Come riporta Diario Olè, colpisce il silenzio di Leopoldo Luque, il chirurgo che lo ha operato al cervello il 3 novembre, storico medico di fiducia dell'ex Pibe de oro.

Gattuso: “Maradona non morirà mai”

IL RETROSCENA - Come spiega El Dia (che nelle scorse ore ha fornito l'audio con la richiesta di soccorsi di Luque), il medico non era con Maradona nei giorni precedenti la morte. Due testimoni, già ascoltati nel dossier sulla morte di Diego, raccontano di un pesante litigo il 19 novembre, una settimana prima del decesso. Fonti giudiziarie raccontano di insulti e uno spintone da parte di Maradona, Luque . E ora - proseguono media argentini - Luque potrebbe essere indagato. Anche per questo il medico non è stato ascoltato come testimone dai quattro procuratori che si stanno occupando della vicenda. Dopo due giorni di interrogatori fino alle 5 del mattino, si sono radunati per fare il punto e programmare i successivi passaggi.

OMAGGIO - Il Napoli, intanto, è pronto a omaggiare di nuovo il suo Re. Questa sera, nella sfida contro la Roma al San Paolo - futuro Stadio Diego Maradona - scenderà in campo con una divisa albiceleste in ricordo dell'Argentina. E del suo Diego.