Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.520,29
    -815,28 (-2,88%)
     
  • Nasdaq

    11.288,89
    -259,39 (-2,25%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1826
    -0,0042 (-0,35%)
     
  • BTC-EUR

    10.873,62
    -225,46 (-2,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    256,34
    -7,07 (-2,69%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.383,33
    -82,06 (-2,37%)
     

Nuovi test per l'Alzheimer all'Irccs Fatebenefratelli di Brescia

Cro-Mpd
·1 minuto per la lettura

Roma, 15 set. (askanews) - Il 21 settembre sarà la giornata mondiale dell'Alzheimer, la malattia caratterizzata dalla presenza di placche di beta-amiloide e grovigli neurofibrillari di proteina tau-iperfosforilata, che possono accumularsi nel cervello diversi anni prima dalla comparsa dei sintomi clinici. Per la rilevazione delle alterazioni patologiche si ricorre alla tomografia a emissione di positroni (PET) o dosaggio nel liquido cerebrospinale (CSF) di determonati elementi: negli ultimi anni è stato fatto un ulteriore passo in avanti con l'inclusione di biomarcatori tra i criteri per la diagnosi di Alzheimer. Ci lavora molto l'Irccs Fatebenefratelli di Brescia: " La ricerca sui biomarcatori nelle malattie neurologiche ha fatto di recente notevoli passi in avanti grazie allo sviluppo di metodiche ultrasensibili in grado di misurare analiti presenti anche a basse concentrazioni nel sangue e che riflettano alterazioni patologiche a livello centrale. In particolare, per quanto concerne le demenze una grande attenzione è oggi rivolta a due proteine che possono essere quantificate nel sangue: la catena leggera del neurofilamento (NfL) e la proteina tau fosforilata - dichiara il direttore scientifico Roberta Ghidoni -. Sono stati recentemente sviluppati, da un gruppo di ricercatori svedesi con cui anche l'IRCCS collabora, saggi ultrasensibili in grado di misurare nel sangue i livelli della proteina tau fosforilata (p-tau-181); applicando tale saggio, in uno studio coordinato dalla Prof Barbara Borroni dell'Università di Brescia e che ha visto la partecipazione dell'IRCCS Fatebenefratelli e del gruppo svedese, è stata confermata l'utilità del dosaggio nel sangue di p-tau181 nel distinguere l'Alzheimer da altre forme di demenza ed il valore prognostico del marcatore NfL".