Italia markets close in 38 minutes
  • FTSE MIB

    22.313,93
    +168,87 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    29.920,21
    -126,03 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    12.060,94
    +24,15 (+0,20%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • Petrolio

    45,41
    +0,50 (+1,11%)
     
  • BTC-EUR

    16.095,54
    -97,98 (-0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,92
    +10,41 (+2,81%)
     
  • Oro

    1.810,20
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1922
    +0,0026 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.627,53
    -7,88 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.508,61
    +0,63 (+0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8901
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0823
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5495
    +0,0039 (+0,25%)
     

Nuovo Dpcm, bozza: didattica a distanza in Università

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Atenei e Covid, possibili nuove misure in arrivo. "Le Università, sentito il Comitato universitario regionale di riferimento, predispongono, in base all'andamento del quadro epidemiologico - si legge nella bozza del Dpcm - , piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative tenendo conto dell'evoluzione del quadro pandemico territoriale e delle corrispondenti esigenze di sicurezza sanitaria ed, in ogni caso, nel rispetto delle linee guida del Ministero dell’università e della ricerca, nonché sulla base del protocollo per la gestione di casi confermati e sospetti di Covid-19".

"A beneficio degli studenti che non riescano a partecipare alle attività didattiche o curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica - si legge ancora - tali attività possono essere svolte, ove possibile, con modalità a distanza, individuate dalle medesime università e istituzioni, avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità; le università e le istituzioni assicurano, laddove ritenuto necessario e in ogni caso individuandone le relative modalità, il recupero delle attività formative, nonché di quelle curriculari, ovvero di ogni altra prova o verifica, anche intermedia, che risultino funzionali al completamento del percorso didattico; le assenze maturate dagli studenti di cui alla presente lettera non sono computate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonché ai fini delle relative valutazioni".