Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.061,32
    +19,73 (+0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    329,10
    -8,40 (-2,49%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5528
    +0,0027 (+0,17%)
     

Nuovo Dpcm, Dadone a governatori: "nessuna scelta arbitraria sulle zone covid"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Nessuna discrezionalità o arbitrio politico ma misure automatiche". Ad affermarlo è il ministro per la Pa Fabiana Dadone in un'intervista all'Adnkronos in merito alla classificazione delle zone di gravità Covid in rosse, arancioni e gialle, decise dal governo nel nuovo Dpcm.

Dadone replica così alle accuse provenienti da diversi governatori, laddove se le regioni rosse e arancioni protestano per le troppe restrizioni, qualcuno ritiene la zona gialla troppo soft. Il criterio "si basa su parametri oggettivi che le stesse Regioni hanno contribuito a fissare e su dati che da esse affluiscono. A valle dei dati, non c’è discrezionalità o arbitrio politico, ma misure automatiche". E aggiunge, "in questo momento tarare interventi con gradazioni diverse ci consente di tenere conto delle diverse realtà epidemiologiche sul territorio. Nessuno è stato penalizzato o avvantaggiato in base a scelte estemporanee, il dialogo e la collaborazione istituzionale sono la stella polare che guida le decisioni del Governo".

Quanto ai prossimi ristori che l'esecutivo si accinge a stanziare in un nuovo decreto, Dadone assicura che "si stanno prendendo in considerazione tutti i codici Ateco e tutte le attività colpite da questa nuova stretta". E dunque, in merito anche alle conseguenze che potrà avere l'ulteriore spinta all'utilizzo dello smart working nel settore pubblico e nel privato sulle entrate dei pubblici esercizi, quali bar, rosticcerie, ristoranti, dove abitualmente si consuma la pausa pranzo. "Lascio ai ministri competenti la definizione del decreto, - aggiunge - sappiamo che abbiamo un margine entro il livello di deficit fissato e che queste risorse potrebbero bastare. In ogni caso, come ha detto il presidente del Consiglio, saremmo eventualmente pronti a chiedere al Parlamento di poter allargare i saldi di finanza pubblica per ristorare le categorie che ne avessero bisogno". (di Cristina Armeni)