Italia markets open in 1 hour 20 minutes
  • Dow Jones

    33.730,89
    +53,62 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.857,84
    -138,26 (-0,99%)
     
  • Nikkei 225

    29.626,88
    +5,89 (+0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1977
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    52.600,72
    -999,32 (-1,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.374,56
    -1,21 (-0,09%)
     
  • HANG SENG

    28.603,60
    -297,23 (-1,03%)
     
  • S&P 500

    4.124,66
    -16,93 (-0,41%)
     

"Nuovo ordine mondiale": la canzone di Giovanni di Iacovo e Arnaldo Guido

·6 minuto per la lettura
Anticorpi Nuovo ordine mondiale
Anticorpi Nuovo ordine mondiale

Anticorpi, una band elettro-pop con un’estetica cyber e medical, presenta il nuovo singolo, “Nuovo ordine mondiale”. L’esposizione mediatica massiva degli ultimi mesi ha alimentato angosce e paure inevitabilmente generate dall’emergenza sanitaria. Un brano attualissimo che descrive il bombardamento mediatico degli ultimi mesi e la confusione derivata. Il loro è un progetto innovativo e all’avanguardia, sicuramente fuori dal comune. Sono la risposta immunitaria alla banalità e alla stupidità, sempre più diffuse nella superficialità dei tempi odierni. Sono unici perché capaci di raccontare l’oggi con spirito ironico e intellettuale al contempo. La band è composta dallo scrittore Giovanni di Iacovo e il musicista elettronico Arnaldo Guido.

Si tratta di una canzone-farmaco per guarire dal bombardamento mediatico. Fake news, complotti, negazioni, verità e post verità in un brano per elaborare ed esorcizzare. Anticorpi uniscono musica elettronica veloce, intensa e ballabile. Propongono testi avanguardisti e provocatori, con performance dal vivo cariche di energia e di spettacolo. “Nuovo ordine mondiale” è una provocazione sofisticata, giocando con tutte le teorie complottiste, dai terrapiattisti ai NoVax, dal 5G al falso allunaggio, senza retorica ma come se fosse una canzone d’amore. Synth analogici e incalzante ritmo elettronico da club del futuro guidano la satira sulle più celebri fake news. “E se tutti i complotti, anche i più bizzarri, fossero veri? Abbiamo deciso scientificamente di credere a tutto. Sembra che la spariamo grossa, ma utilizziamo i nostri brani come cura per superare la paura”, dichiara Arnaldo. Giovanni sottolinea che: “Costruiamo i nostri brani con mesi di lavoro in un laboratorio musicale come se stessimo producendo un vaccino. L’argomento che scegliamo guida la composizione chimica della musica”.

Nell’intervista esclusiva gli Anticorpi hanno parlato di “Nuovo ordine mondiale” e della loro musica, il tutto contornato da un clima di grande entusiasmo, moltissima passione e profondo talento.

Anticorpi, “Nuovo ordine mondiale”

“Antenna 5G la tua radiazione / mi rende mutante, mi rende eccitante! Trasformami in robot / non voglio più pensare. Forte, cromato, sorridente e controllato! Iniettami il tuo chip ogni fine settimana / voglio essere annullato e ricondizionato! Pipistrelli di Wuhan: il mio sushi number one!”, recitano nella canzone.

Gli Anticorpi hanno parlato del nuovo singolo, “Nuovo ordine mondiale”, com’è nato il progetto e come hanno vissuto i periodi più difficili generati dall’emergenza sanitaria. Il nostro gusto cyber e medical viene prima della pandemia. Da sempre ci esibiamo sul palco con il tipico camice da medico. Il nome del gruppo e la nostra attitudine sono diventati più attuali con lo scoppio dell’emergenza coronavirus, ma fino a un anno e mezzo fa si poteva giocare con la nostra filosofia. Con la nostra musica vogliamo far ballare, offrendo musica godibile e coinvolgente fisicamente, ma anche offrire testi attuali, colti e ben lavorati. Uniamo il piacere del corpo, che si scatena ballando sulla nostra musica, e l’importanza delle idee. “Nuovo ordine mondiale”, come gli altri nostri brani, vogliamo parlare di alcune situazioni attuali. Con lo scoppio della crisi sanitaria, sono tornate in auge teorie assurde, dalla terra piatta al 5G. Il mondo sembra impazzito e tutti tirano fuori teorie bizzarre. Abbiamo voluto giocare sulle cospirazioni e le fake news, come se fossero vere. Cosa accadrebbe se queste teorie fossero vere, la terra è piatta e i vaccini ci fanno diventare dei robot?”.

Così Giovanni di Iacovo ha descritto il progetto degli Anticorpi e l’idea che sta alla base del nuovo singolo, “Nuovo ordine mondiale”. La band propone iniziative avanguardiste e originali, perché davvero uniche. Le loro idee sono frutto di un lavoro attento e di tanto studio, ma anche di una passione profonda. I due raccontano l’oggi con spirito ironico e intellettuale al contempo, offrendo conoscenze tecniche-culturali che costituiscono un vero valore aggiunto. Importante anche riuscire a strappare un sorriso e donare un po’ di spensieratezza, soprattutto in un periodo così difficile e delicato.

Anticorpi Nuovo ordine mondiale
Anticorpi Nuovo ordine mondiale

Oggi più che mai si palesa l’importanza degli anticorpi, in un periodo in cui l’emergenza coronavirus sembra compromettere anche i giorni di Pasqua. Per cui Giovanni ha commentato: “Noi siamo anticorpi contro banalità e idiozia, ma anche alla solitudine. Vogliamo anche mantenere vivo il desiderio di fare musica. Le nostre canzoni vogliono unire le persone, soprattutto in un periodo in cui sono scomparse socialità e cultura. Con la musica cerchiamo di connettere quante più persone possibili. Avevamo un tour in Europa e in America, da Berlino a New York. Il Covid-19 ha stravolto i piani, ma cerchiamo di mantenere un rapporto umano con i nostri fan restando molto attivi sui social network. Speriamo di tornare presto agli abbracci. Vogliamo tornare alla fisicità dei concerti live e all’incontro con le persone. Per noi questa è solo una fase transitoria, non vogliamo che la vita si viva solo in streaming”.

Anticorpi Nuovo ordine mondiale
Anticorpi Nuovo ordine mondiale

Il nuovo singolo degli Anticorpi, “Nuovo ordine mondiale”, è un antidoto contro la paura. “La paura è un sentimento umano, molto naturale. Tuttavia, oggi viviamo immersi nella paura. La paura è diventata quotidiana. Io e Arnaldo ci aggrappiamo alle nostre passioni e ai nostri grandi interessi, dalla musica alla letteratura, cercando di non tralasciare gli affetti e le relazioni sociali (nei limiti del possibile visto il periodo e le limitazioni ancora vigenti). Non perdiamo di vista gli aspetti che ci caratterizzano e ci fanno battere il cuore. Al momento non possiamo eliminare la paura: dobbiamo portarla per mano, proprio come le nostre passioni. Dobbiamo camminare insieme fino alla fine di questo tunnel“, è il commento di Giovanni, che con le sue parole testimonia una fine sensibilità.

Anticorpi Nuovo ordine mondiale
Anticorpi Nuovo ordine mondiale

I progetti futuri

Il nostro obiettivo è raccontare, divertire e coinvolgere, ma con intelligenza, idee e cultura. Noi cantiamo il domani perché parliamo del presente con la grammatica del futuro. La nostra musica vuole creare connessioni con l’altro, con il differente, con l’umanità e con la tecnologia. Raccontiamo intime fragilità contemporanee e distopiche visioni del futuro in un inno alle diversità. Vogliamo far muovere i corpi accendendo i cervelli. Così spiegano gli Anticorpi, che sono entusiasti per la loro canzone, “Nuovo ordine mondiale”, ma hanno anche importanti progetti per il domani.

Anticorpi Nuovo ordine mondiale
Anticorpi Nuovo ordine mondiale

A tal proposito, hanno dichiarato: Siamo al lavoro su un nuovo album, che uscirà nell’estate 2021. Il disco sarà anticipato anche dal singolo “Mia signora”, un brano contro il body shaming e i diritti Lgbtq+“. Quindi hanno sottolineato: “Tutti i corpi sono belli e hanno il diritto di essere amati”.

Ripercorrendo la storia degli Anticorpi, Giovanni ricorda: “Io sono scrittore di romanzi. A Berlino sono dj di musica elettronica. Arnaldo, invece, è uno speaker elettronico molto bravo. Ci siamo voluti unire, io scrivendo e lui facendo musica elettronica, creando qualcosa che non fosse solo dance né solo intellettuale. Ma qualcosa che fosse pop, innovativo e coinvolgente. Ci hanno consigliato di unire una donna alla band. Abbiamo preferito Electra, il terzo membro di Anticorpi, che durante i live interagisce con il pubblico grazie a uno schermo. È la nostra front girl virtuale. Ci fu consigliato di trovare una giovane e bella ragazza che facesse da cantante/immagine al posto di noi due che non siamo esattamente dei figoni. Nonostante i tanti provini fatti, non l’abbiamo trovata. Pertanto abbiamo deciso di costruirla in laboratorio”.