Italia markets close in 4 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    24.414,20
    -26,68 (-0,11%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,28
    +2,04 (+2,64%)
     
  • BTC-EUR

    15.918,12
    +177,15 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,39
    +10,10 (+2,66%)
     
  • Oro

    1.768,50
    +13,20 (+0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,0375
    +0,0030 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.943,47
    +7,96 (+0,20%)
     
  • EUR/GBP

    0,8639
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    0,9852
    +0,0039 (+0,40%)
     
  • EUR/CAD

    1,3944
    -0,0005 (-0,04%)
     

Nuovo rialzo per Piazza Affari, giù lo spread

(Adnkronos) - Settimo rialzo consecutivo per Piazza Affari, in una giornata positiva per tutte le Borse europee. In calo i rendimenti di gran parte dei titoli di Stato: gli investitori scommettono infatti su un politiche monetarie meno aggressive da parte delle banche centrali europea e statunitense. L’euro torna sopra al dollaro e il bitcoin scende attorno ai 16.500 dollari.

Il Ftse Mib guadagna lo 0,58% e chiude a 24.596,69 punti. In discesa lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che viaggia attorno ai 205 punti base. Sul listino principale di Piazza Affari in positivo Atlantia (+1,06%). Schema Alfa ha comunicato che, al termine dell’offerta pubblica di acquisto della holding, sono state portate in adesione 447.982.714 azioni Atlantia, pari al 54,3% del capitale. Per le rimanenti condizioni di offerta i termini verranno riaperti per ulteriori cinque giorni di contrattazione, vale a dire per le sedute del 21, 22, 23, 24 e 25 novembre. In rialzo anche le utilities, con A2a che guadagna il 2,34% e Terna l’1,70%. Bene anche Generali (+1,28%), Banca Mediolanum (+1,57%), Eni (+1,37%), Intesa (+1,20%), Leonardo (+2,91%), Pirelli (+1,19%), Saipem (+4,17%) e Stm (+3,14%). Tim guadagna poi l’1,31% nel giorno in cui il ministro delle Imprese e del Made in Italy Alfredo Urso ha detto che per arrivare alla rete unica i ritardi saranno colmati il prima possibile.

In coda al listino, invece, Recordati (-1,15%), Unipol (-0,70%), Amplifon (-1,65%), Azimut (-1,02%), Diasori (-2,06%), Hera (-1,19%), Prysmian (-2,35%), Nexi (-1,89%), Moncler (-2,06%) e Inwit (-2,25%). (in collaborazione con Money.it)