Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.458,79
    -338,14 (-1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Nuovo tonfo per le Borse europee, Milano (-2,79%) su minimi inizio 2021

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 giu. (askanews) - Dopo il venerdì nero seguito alle mosse della Bce sui tassi e al dato dell'inflazione Usa più elevato delle attese, le vendite non hanno dato tregua neanche oggi ai mercati, con l'Europa che ha chiuso in forte ribasso e Wall Street entrata ufficialmente nella cosiddetta fase "orso". Un sell-off generalizzato scatenato dall'inflazione record e dalla prospettiva di una stretta ancor più aggressiva da parte della Fed, che si riunirà mercoledì. Tra gli indici del Vecchio Continente, a Milano il Ftse Mib ha perso il 2,79% scivolando a 21.918 punti, dopo aver toccato un minimo intraday a 21.796 punti e riportandosi ai livelli di fine gennaio 2021. Parigi ha ceduto il 2,67%, Francoforte il 2,52%, Madrid il 2,50%, Londra l'1,59%.

A Piazza Affari, tra i titoli a maggior capitalizzazione, in contotendenza Campari (+1,86%) e Recordati (+1,46%). A picco Saipem (-14,83%), nel giorno del raggruppamento delle azioni ordinarie e di risparmio nel rapporto di una nuova azione ogni 10 azioni possedute.

Non si è arrestata la corsa dello spread tra Btp e Bund, salito a 246 punti, con il rendimento del decennale italiano che, sul mercato secondario, è volato sopra il 4%, sui massimi da dicembre 2013. I nostri titoli di Stato restano sotto pressione dopo una Bce più aggressiva del previsto sui tassi, non annunciando nuovi strumenti per contenere i differenziali dei tassi tra titoli di Stato, come si aspettava il mercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli