Italia markets open in 3 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,19 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.848,41
    +309,68 (+1,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1899
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    50.941,02
    +315,91 (+0,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.296,08
    +1,50 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    28.821,34
    +368,06 (+1,29%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

Obbligo di mascherina FFP2 sui trasporti lombardi: la proposta del M5S

·1 minuto per la lettura
Mascherine FFP2 sui mezzi in Lombardia interrogazione
Mascherine FFP2 sui mezzi in Lombardia interrogazione

Il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle Nicola di Marco ha presentato un’interrogazione al governatore Fontana per chiedere che in Lombardia sia reso obbligatorio l’utilizzo delle mascherine FFP2 su tutti mezzi di trasporto. L’ultima ordinanza prevede l’obbligo di indossare un dispositivo chirurgico e il divieto delle cosiddette mascherine di comunità (quelle in stoffa) su treni, tram, autobus e metropolitana.

Mascherine FFP2 obbligatorie sui mezzi in Lombardia?

L’esponente dell’opposizione ha motivato la sua richiesta spiegando che le evidenze scientifiche dimostrano come l’utilizzo delle mascherine FFP2 o FFP3 sia più efficace rispetto a quello delle chirurgiche. Dato dunque che i mezzi pubblici, utilizzati tutti i giorni da pendolari e lavoratori, possono essere un luogo a rischio contagio a causa della difficoltà negli orari di punta di rispettare il distanziamento, “chiediamo alla Regione di mettersi al lavoro, con lucidità e concretezza, per pensare di passare dall’obbligo della mascherina chirurgica a quella FFP2“.

Va sottolineato che i dispositivi in questione hanno un costo maggiore rispetto a quelli chirurgici comunemente usati che andrebbe a ricadere sui passeggeri. Rispetto a ciò Di Marco ha invitato l’amministrazione regionale ad attivarsi in accordo con il Governo per l’eventuale reperimento e distribuzione delle mascherine ad aziende di trasporto ed utenti.

In tal modo, ha continuato il consigliere, si potrà garantire un costo unitario di acquisto più basso. Ma anche andare incontro alle esigenze del singolo cittadino che oggi, per ragioni di costo, deve necessariamente preferire la chirurgica. “Siamo convinti che dopo un anno di pandemia serva pensare necessariamente a un cambio di passo anche su questo argomento“, ha concluso.