Italia Markets open in 8 hrs 12 mins

Ocse: Italia dia priorità all'aumento dell'età di pensiomanento

Voz

Roma, 27 nov. (askanews) - Sulle pensioni l'Italia dovrebbe "dare priorità all'aumento dell'effettiva età di ritiro", e questo riflette "la necessità di limitare i sussidi ai pensionamenti anticipati e di attuare adeguatamente il collegamento dell'età di ritiro alla speranza di vita". Lo afferma l'Ocse nel capitolo sulla Penisola del suo rapporto annuale sui sistemi previdenziali, "Pensions at a Glance 2019".

Lo studio rileva che se nel 2018 l'età standard di pensionamento, a 67 anni, era di 3 anni sopra la media dell'area Ocse, successivamente con il meccanismo Quota 100 sono stati in parte rimossi alcuni elementi delle precedenti riforme, fino al 2021. Mentre quest'anno non è stato attuato l'impegno a aggiornare il collegamento dell'età di pensionamento con la speranza di vita.

Secondo l'ente parigino, la "sfida" attuale del Paese è quella di mantenere benefici adeguati con l'avanzare dell'età di pensionamento, limitando le pressioni contributive. Per garantire gli assegni futuri, invece, è necessario aumentare i tassi di occupazione, "specialmente tra in gruppi più vulnerabili".(Segue)