Italia markets close in 3 hours 37 minutes
  • FTSE MIB

    24.486,51
    +421,46 (+1,75%)
     
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,67
    +0,46 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    28.795,58
    +806,79 (+2,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    679,69
    +27,45 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.841,80
    +0,60 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,0576
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.701,39
    +60,84 (+1,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8476
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0267
    -0,0027 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3517
    -0,0052 (-0,38%)
     

"Ha offeso Fedez e Ferragni", presidente Codacons rinviato a giudizio

·1 minuto per la lettura

La Procura di Roma ha rinviato a giudizio il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi, per aver "offeso la reputazione" di Fedez e della moglie Chiara Ferragni, dipingendo i due come "ignoranti, delinquenti, approfittatori" e sostenendo, tra le altre cose, che i Ferragnez 'sfruttino' le foto dei loro bambini con le magliette delle griffes che reclamizzano, e che per fare beneficenza il rapper abbia in realtà fatto pubblicità alla Lamborghini.

La replica del Codacons non tarda ad arrivare: "Siamo molto preoccupati che davanti al turpiloquio imperante sui social e sui media in generale, la Procura ritenga utile rinviare a giudizio il presidente dell’associazione per affermazioni che sono perfettamente in linea con il compito sociale del Codacons di tutela dei consumatori, anche quelli dei social -afferma l'associazione in una nota- Senza considerare che in decine di occasioni il Codacons ha denunciato personaggi famosi, politici e addirittura Presidenti del Consiglio per aver pubblicizzato marchi commerciali, senza che nessuna Procura si sia mai scandalizzata o abbia avviato indagini nei confronti dell’associazione".

"Il Codacons è in ogni caso fiducioso che questo giudizio sia finalmente occasione per sottolineare i ruoli e i limiti degli influencer, soprattutto di quelli come Fedez che, per l’enorme seguito di cui godono, hanno secondo noi una precisa responsabilità sociale in particolare verso i giovani. Speriamo che le numerose nullità del procedimento non blocchino il dibattito giudiziario e che il rapper abbia il coraggio di venire personalmente in aula il prossimo 19 aprile", conclude il Codacons.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli