Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    30.151,08
    -21,91 (-0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    726,54
    +11,34 (+1,59%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

Oggi in asta nuovi Btp per 5 miliardi

Antonio Cardarelli
·1 minuto per la lettura
Oggi in asta nuovi Btp per 5 miliardi
Oggi in asta nuovi Btp per 5 miliardi

Nuovo collocamento di titoli di Stato italiani dopo il boom di richieste delle scorse settimane per i Bot semestrali e per i Btp, compresi quelli emessi in dollari

Nuova giornata di aste per il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che oggi (27 novembre) avvia il collocamento di nuovi Btp per un valore di circa 5 miliardi di euro. Dopo il successo dei collocamenti effettuati nelle scorse settimane, con i Bot semestrali che hanno raggiunto un nuovo minimo di rendimento, è la volta di due Buoni del Tesoro Poliennali.

I DUE TITOLI IN ASTA

Nel dettaglio, si tratta di un Btp con scadenza primo febbraio 2026 e cedola annuale lorda dello 0,5% con codice ISIN IT0005419848 per un ammontare compreso tra 2 e 2,5 miliardi di euro con asta supplementare di 500 milioni. Il secondo Btp in asta oggi ha scadenza primo aprile 2031, cedola annua lorda dello 0,9% e codice ISIN IT0005422891. L’importo è compreso tra 2,5 e 3 miliardi di euro e l’asta supplementare è di 600 milioni di euro.

APPREZZAMENTO PER I TITOLI ITALIANI

Nell’ultimo collocamento (25 novembre) le richieste per i Bot e i Btp indicizzati sono state molto superiori all’offerta, permettendo ai semestrali di arrivare a un rendimento medio negativo dello 0,518%. Il mercato continua ad avere “fame” di titoli di Stato italiani, ormai tra i pochi dell’Eurozona a dare rendimenti positivi, grazie anche al sostegno garantito dalla Bce con acquisti massicci. Anche gli investitori americani apprezzano i titoli di Stato italiani, come dimostra il successo del collocamento dei governativi in dollari. Questa mattina lo spread tra titoli governativi decennali italiani e tedeschi è stabile a 115 punti base.