Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,42 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    -0,08 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    47.371,28
    -1.346,34 (-2,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,29 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +0,70 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,85 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8698
    +0,0015 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0952
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Oggi dividendi BancoBpm, UniCredit, Stellantis, Ferrari, Campari e Cnh

Fabrizio Arnhold
·2 minuto per la lettura
Oggi dividendi BancoBpm, UniCredit, Stellantis, Ferrari, Campari e Cnh
Oggi dividendi BancoBpm, UniCredit, Stellantis, Ferrari, Campari e Cnh

Staccano la cedola sei società del Ftse Mib. Occhi puntati su Cnh che non cederà più Iveco. Per il BancoBpm è la prima volta dal 2017, anno di nascita del gruppo

Il clou sarà il 24 maggio. Oggi, lunedì 19 aprile, l’antipasto a Piazza Affari arriva con i dividendi di BancoBpm, Campari, Cnh Industrial, Ferrari, Stellantis e UniCredit. La cedola è relativa all’esercizio 2020 e per incassarla occorre detenere l’azione alla chiusura dell’ultimo giorno lavorativo prima dello stacco. La Borsa di Milano inizia la settimana sulla parità, dopo aver chiuso la scorsa con il Ftse Mib a ridosso dei massimi del 2021, proprio per l’effetto cedole, che pesa sul listino per lo 0,15%.

LE BANCHE TORNANO ALLA CEDOLA

Gli istituti di credito tornano alla cedola, dopo lo stop l’anno scorso imposto dalla Bce, causa pandemia. La restrizioni di Francoforte, comunque, restano in parte, con la raccomandazione alle banche di limitare il dividendo a un massimo del 15% degli utili cumulati tra il 2019 e il 2020, senza superare il tetto dei 20 punti base di capitale Cet1.

LA PRIMA VOLTA DEL BANCO BPM

La cedola più generosa attesa è quella del BancoBpm, con 0,06 euro, pari a un dividend yield del 2,52%. Si tratta del prima stacco di dividendo per l’istituto guidato da Giuseppe Castagna dalla nascita del gruppo nel 2017, dopo la fusione tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano. Occhi puntati anche su Cnh (-4% in apertura) che non cederà più Iveco alla Faw.

UNICREDIT E STELLANTIS

L’attenzione degli investitori è per UniCredit (-0,2%), dopo che è iniziata l’era del nuovo ad Andrea Orcel che, secondo molti analisti, potrebbe varare operazioni straordinarie. Il titolo stacca una cedola di 0,12 euro. Stellantis apre la giornata in positivo (+1%), nonostante le azioni stacchino un dividendo di 0,32 euro. All’interno della galassia Agnelli attesa anche per la cedola Ferrari (0,86 euro di dividendo) ed Exor, mentre fuori dal paniere principale la Juventus corre (+5,5%) dopo l’annuncio della creazione delle nuova Super League, con altri top club europei.