Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.571,73
    +46,58 (+0,18%)
     
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,94 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.804,85
    +96,27 (+0,34%)
     
  • Petrolio

    83,98
    +1,48 (+1,79%)
     
  • BTC-EUR

    52.319,30
    -379,77 (-0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,69 (-3,31%)
     
  • Oro

    1.793,10
    +11,20 (+0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1646
    +0,0015 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,40 (+0,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.188,81
    +33,08 (+0,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8461
    +0,0035 (+0,42%)
     
  • EUR/CHF

    1,0664
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4394
    +0,0015 (+0,11%)
     

Ogni anno quasi 2 milioni di morti sul lavoro nel mondo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 17 set. (askanews) - Ogni anno quasi 2 milioni di persone muoiono sul lavoro. La stima è del primo rapporto congiunto dell'Ilo, l'ufficio sul lavoro dell'Onu, e l'Organizzazione mondiale della salute, che in realtà parte da cifre un po' datate, l'analisi è sul periodo 2000-2016, ma per la prima volta scatta una fotografia del fenomeno su scala globale.

Uno degli elementi che emergono dall'indagine è che se solitamente le morti sul lavoro vengono subito associate agli incidenti, questi ultimi sono solo al terzo posto, con 360 mila casi nel 2016 su 1 milione 900 mila totali. I primi due posti sono occupati da patologie solitamente croniche, che spesso possono essere correlate alle condidizioni di lavoro stesse o allo stile di vita.

La prima causa di decesso, secondo lo studio Who-Ilo, è infatti la BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva, ben 450 mila morti l'anno per una patologia correlata all'esposizione a particelle nocive o gas. Seguono gli infarti con 400 mila morti e, al quarto posto, la cardiopatia ischemica con 350 mila casi.

L'81% dei decessi sul lavoro è dOvuto a malattie non trasmissibili. Lo studio ha preso in esame 19 fattori di rischio, tra cui l'esposizione a orari prolungati, l'esposizione a aria inquinata, a sostanze che provocano l'asma, a sostanze cancerogene come l'amianto, a fattori di rischio ergonomici e all'inquinamento acustico.

Uno spiraglio positivo deriva dal fatto che tra 2000 e 2016 le morti sul lavoro complessive sono calate del 14%. Ma al tempo stesso quelle causate da malattie cardiovascolari e infarti, associate a orari di lavoro prolungati sono salite del 41% e del 19%. Lo studio viene pubblicato in vista del XXII congresso mondiale su sicurezza e salute che si svolgerà in modalità virtuale dal 20 al 23 settembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli