Italia markets close in 1 hour 5 minutes
  • FTSE MIB

    23.033,01
    +62,28 (+0,27%)
     
  • Dow Jones

    33.990,35
    +77,91 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    13.032,63
    -95,42 (-0,73%)
     
  • Nikkei 225

    28.868,91
    -2,87 (-0,01%)
     
  • Petrolio

    89,31
    -0,10 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    23.443,53
    -433,23 (-1,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    567,40
    -4,51 (-0,79%)
     
  • Oro

    1.790,00
    -8,10 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0179
    +0,0014 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.288,96
    -8,18 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.830,52
    -210,34 (-1,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,79
    +0,17 (+0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8413
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    0,9659
    +0,0048 (+0,50%)
     
  • EUR/CAD

    1,3097
    -0,0006 (-0,05%)
     

Boris Johnson si dimette, ma resta al suo posto

Stefan Rousseau / POOL / AFP

AGI - Boris Johnson alla fine ha mollato. Il primo ministro britannico che si trovava con un governo falcidiato dalle dimissioni ha deciso di farsi da parte dopo che una cinquantina fra ministri e collaboratori ministeriali lo avevano abbandonato.

Le dimissioni saranno effettive forse già oggi, ma Johnson resterà in carica fino a quando non sarà scelto il nuovo leader Tory alla congresso del partito, a quanto pare già questa estate.

Superato ampiamente il record del 1932 quando si dimisero 11 ministri in un solo giorno. Il problema, per i conservatori, è ora trovare un nuovo leader. Nell'attesa BoJo resterà a Downing Street nonostante il caos in cui si trova il partito di maggioranza e, di conseguenza, il Paese. La crisi che stava scivolando dal piano politico a quello costituzionale potrebbe essersi fermata.

Sono così smentite quelle fonti interne al partito convinte che Johnson non si sarebbe dimesso neanche se il Comitato 1922 avesse cambiato le regole e avesse perso una conseguente nuova mozione di sfiducia, sbandierando il mandato che 14 milioni di persone gli hanno dato alle elezioni generali del 2020.

Per una democrazia parlamentare come quella britannica, l'attitudine di Johnson suggeriva connotazioni presidenziali più vicine al sistema statunitense. E il ministro dimissionario della Salute, Sajid Javid, aveva azzardato un paragone tra Johnson e Donald Trump per il suo rifiuto di prendere atto della situazione.

"Le istituzioni e l'integrità sono entrambi pilastri centrali che sostengono la nostra grande democrazia", ha detto Javid durante il suo durissimo discorso alla Camera, "a prescindere da quali siano le vostre idee politiche in quest'aula, io sono convinto che siamo tutti motivati dall'interesse nazionale e che il pubblico si aspetta che tutti noi mettiamo onestà e integrità in ciò che facciamo".

I have spoken to the Prime Minister to tender my resignation as Secretary of State for Health & Social Care.

It has been an enormous privilege to serve in this role, but I regret that I can no longer continue in good conscience. pic.twitter.com/d5RBFGPqXp

— Sajid Javid (@sajidjavid) July 5, 2022

"Questa non è una questione astratta", ha concluso l'ex ministro, "abbiamo visto cosa succede alle grandi democrazie quando si esasperano le divisioni e non si creano ponti di dialogo. Non possiamo permettere che questo accada qui: dobbiamo unire il Paese come una sola nazione"

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli