Italia markets close in 8 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    21.293,86
    -539,64 (-2,47%)
     
  • Dow Jones

    30.775,43
    -253,88 (-0,82%)
     
  • Nasdaq

    11.028,74
    -149,16 (-1,33%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    105,22
    -0,54 (-0,51%)
     
  • BTC-EUR

    18.549,29
    -182,10 (-0,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    416,36
    -15,10 (-3,50%)
     
  • Oro

    1.797,90
    -9,40 (-0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,0456
    -0,0027 (-0,26%)
     
  • S&P 500

    3.785,38
    -33,45 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.454,86
    -59,46 (-1,69%)
     
  • EUR/GBP

    0,8624
    +0,0017 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9989
    -0,0019 (-0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,3507
    +0,0017 (+0,12%)
     

Oltre l'86 per cento delle aziende russe colpito da sanzioni

(Adnkronos) - Oltre l'86% delle aziende in Russia è interessato dalle sanzioni internazionali a causa dell'attacco in Ucraina. Il dato è riportato nel "Monitoraggio dello stato attuale degli affari", rapporto presentato dall'ufficio del presidente della Federazione Russa per la tutela dei diritti degli imprenditori Boris Titov, secondo il quale, "dell'86,8% degli imprenditori colpiti dalle sanzioni, il 77,4% si è adattato o spera di farlo, mentre l'11,7% non è stato in grado di adattarsi e ha dovuto chiudere l'attività, in tutto o in parte".

L'indagine ha coinvolto dirigenti e proprietari di 6 mila società di 85 regioni della Federazione Russa e, secondo i dati emersi, la stragrande maggioranza degli intervistati (67,1%) sta vivendo i risultati di una recessione economica. Di questi, il 29,4% ha registrato un calo dei ricavi, pur rilevando che la situazione resta sotto controllo. Un altro 24,9% degli imprenditori ha descritto la propria condizione come una grave recessione e il 7,1% come una crisi. Un altro 5,7% ha dichiarato di aver chiuso la propria attività o di volerlo fare presto. E solo il 10,4% degli intervistati ha risposto che il proprio business è ancora stabile e continua a crescere.

"Il problema più significativo - afferma il rapporto - è il calo della domanda (62,2% delle risposte), seguito da una carenza di capitale circolante e disavanzi di cassa, un'interruzione delle catene di approvvigionamento e la difficoltà di consegna delle importazioni". Allo stesso tempo, più della metà degli intervistati considera insufficienti le azioni del governo di fronte alla pressione delle sanzioni, circa il 35% le definisce "calme ed efficaci". Allo stesso tempo, più della metà degli imprenditori ha affermato che nella situazione attuale "è necessario cambiare radicalmente le regole del gioco: serve un nuovo modello economico in cui sarà conveniente, redditizio e sicuro operare. La crisi è con noi e si sta sviluppando. I problemi - ha riassunto Titov - possono essere superati solo attraverso riforme strutturali, cambiando il modello di sviluppo stesso".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli