Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.815,53
    -454,56 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    12.690,20
    -307,55 (-2,37%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1973
    -0,0094 (-0,78%)
     
  • BTC-EUR

    40.147,70
    -3.170,94 (-7,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    962,21
    -25,00 (-2,53%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.756,41
    -63,31 (-1,66%)
     

Omicidio Daphne Caruana Galizia: uno dei tre imputati si dichiara colpevole, condannato a 15 anni

Rara Piol
·Giornalista & Blog Assistant, HuffPost
·2 minuto per la lettura
Una manifestazione in memoria di Daphne Caruana Galizia (Photo: Reuters)
Una manifestazione in memoria di Daphne Caruana Galizia (Photo: Reuters)

“Colpevole”. Ha risposto così Vince Muscat, quando il giudice maltese gli ha chiesto se avesse qualcosa da dire in merito alle imputazioni a suo carico. In una parola, la rottura di una strategia processuale che stava portando avanti insieme con gli altri due sospettati dell’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, uccisa a Malta nell’ottobre 2017. Ma soprattutto, in una parola la svolta del caso.

Muscat, che è stato condannato a 15 anni di carcere, era imputato per essere tra gli esecutori materiali dell’attentato, costato la vita alla giornalista. Durante l’udienza ha descritto il congegno che è stato fatto esplodere nell’auto della donna. Era grande come la metà di un foglio A4 e si attivava con un codice. Inviato attraverso un sms da un altro imputato, George Degiorgio. Trenta secondi dopo il messaggio, l’auto sulla quale era a bordo la giornalista investigativa - molto famosa a Malta per le sue inchieste sulla corruzione e sull’evasione fiscale, che avevano toccato da vicino anche l’allora premier Muscat, costretto alle dimissioni due anni dopo la morte della reporter - è esplosa. La vita di Daphne Caruana Galizia, 53 anni e tanta determinazione nel raccontare il sommerso dell’isola, è finita così.

Oggi la svolta. Con le sue parole Muscat ha fatto arrestare anche tre persone che hanno fornito il materiale utile per l’attentato. Questi ultimi erano tra i 10 individui arrestati già nel 2017 nei raid che portarono alla cattura dei tre sicari. Poi erano stati rilasciati.

L’uomo per la prima volta dall’inizio del processo, si è dissociato dai complici e si è dichiarato colpevole, ma non è la prima volta che collabora con la giustizia. Aveva cominciato già da tempo. In particolare aveva aiutato a fare luce sull’assassinio nell’ottobre 2015 dell’avvocato Carm...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.