Italia markets close in 1 hour 7 minutes
  • FTSE MIB

    21.152,72
    -680,78 (-3,12%)
     
  • Dow Jones

    30.505,81
    -523,50 (-1,69%)
     
  • Nasdaq

    10.873,87
    -304,03 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    107,07
    -2,71 (-2,47%)
     
  • BTC-EUR

    18.163,62
    -1.210,72 (-6,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    405,68
    -25,78 (-5,98%)
     
  • Oro

    1.816,70
    -0,80 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,0434
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    3.745,36
    -73,47 (-1,92%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.416,90
    -97,42 (-2,77%)
     
  • EUR/GBP

    0,8572
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    0,9958
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,3462
    +0,0003 (+0,03%)
     

Omofobia, 16enne aggredito a calci e pugni: "Non vogliamo gay in famiglia"

(Adnkronos) - "Non vogliamo ricchioni nella nostra famiglia". Questo si è sentito dire dallo zio un ragazzo di 16 anni prima che partissero calci e pugni. L'aggressione è avvenuta nel Cosentino il 17 maggio, la data in cui si celebra la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia. Non contento, lo zio che ha deciso di scaricare la sua rabbia sul giovane solo perché gay, si fa aiutare da altri tre uomini. A raccontare i fatti è Silvio Cilento, presidente di Arci Cosenza, in un lungo post su Facebook.

"'Non voglio andare via da casa perché con mamma sto bene, è solo papà il violento. Mamma mi dice sempre: fatti forza e sii coraggioso'. Ha 16 anni. Il 17 maggio ha deciso di legare una bandana rainbow sul suo zaino e uscire con le sue amiche - scrive Cilento - Durante il tragitto viene fermato dallo zio paterno (avvisato dal papà). Lo zio parcheggia la macchina, si avvicina e gli dice: 'Non vogliamo ricchioni nella nostra famiglia' e gli sferra un primo schiaffo, che diventa poi un pugno e subito dopo un calcio, una serie di calci. Non contento lo zio chiama altri tre uomini per aiutarlo. Risultato: 4 costole rotte, setto nasale deviato, lesioni di vario genere. Lo zio lo carica in macchina, lo porta a casa e: 'Ora muori in casa'. Siamo in Calabria. Siamo in provincia di Cosenza.

"Sono state fatte le giuste e necessarie denunce. Non serve altro. Fisicamente - riferisce il presidente Arci - il ragazzo sta meglio, si riprenderà. Moralmente e psicologicamente non oso immaginare come stia, forse non lo voglio immaginare. Non chiedetemi altro, per questioni di tutela è necessario assumere un atteggiamento di chiusura e di riservatezza", precisa Cilento.

"Condivido con voi tutte e tutti questo episodio - sottolinea ancora il presidente di Arci Cosenza - solo per ricordarvi quanto è necessario e importante parlare di violenza di genere, di questioni Lgbti, di identità di genere e di orientamenti sessuali. Per farvi capire quanto è necessario parlare del 17 maggio, di omofobia, transfobia e lesbofobia. Per darvi un buon motivo per scendere in piazza e partecipare, partecipare e partecipare alle iniziative di contrasto all'odio e alla violenza. Per darvi un motivo in più".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli