Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1869
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    32.084,12
    -1.002,42 (-3,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    927,84
    -15,61 (-1,65%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Opec+: c'è accordo per allentare i tagli, i risvolti (negativi) sul petrolio

·1 minuto per la lettura

Nonostante i tentativi non andati in porto, l'Opec+ è riuscito a raggiungere un accordo per allentare ulteriormente i tagli all’offerta di petrolio a partire da agosto e di estendere il patto di gestione fino alla fine del 2022. Nel dettaglio, a partire dal mese di agosto, la loro produzione complessiva salirà di 400mila barili al giorno su base mensile. A dicembre 2021 si valuteranno gli sviluppi del mercato e la `compliance` dei paesi partecipanti. Gli analisti di Equita ritengono che la notizia abbia risvolti leggermente negativi sul prezzo spot, ma permetta di stabilizzare il greggio su livelli elevati (sopra dei 65-70 dollari al barile). "La lieve crescita della produzione manterrà comunque il mercato in deficit, una condizione favorevole ai prezzi", spiegano gli esperti della sim milanese secondo i quali, tuttavia, l’evoluzione della variante delta e le implicazioni sulla domanda di greggio sono attualmente la principale fonte di incertezza sul mercato. Equita ribadisce, tra i titoli preferiti nel settore, Eni/Galp fra le integrate e Tenaris nei servizi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli