Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.066,55
    -732,55 (-3,36%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.153,83
    -159,30 (-0,58%)
     
  • Petrolio

    79,43
    -4,06 (-4,86%)
     
  • BTC-EUR

    19.543,63
    -309,71 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,61
    -9,92 (-2,23%)
     
  • Oro

    1.651,70
    -29,40 (-1,75%)
     
  • EUR/USD

    0,9693
    -0,0145 (-1,47%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.933,27
    -214,63 (-1,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.348,60
    -78,54 (-2,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8927
    +0,0188 (+2,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9509
    -0,0100 (-1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3169
    -0,0093 (-0,70%)
     

Opec disposta a estendere accordo con Russia oltre 2022

Una miniatura di una pompa petrolifera davanti al logo Opec

(Reuters) - L'Opec è intenzionata a garantire che la Russia rimanga nell'accordo Opec+ sulla produzione di petrolio dopo il 2022.

Lo ha detto a Reuters il segretario generale dell'Opec, Haitham Al Ghais.

L'Opec e i suoi alleati, guidati dalla Russia, hanno continuato a coordinarsi sulla politica di produzione petrolifera in un contesto politico instabile, mentre i paesi occidentali hanno imposto sanzioni alla Russia per l'invio di truppe in Ucraina a febbraio, quella che Mosca definisce una "operazione militare speciale".

Nonostante le attese sulle misure adottate per ridurre le forniture di petrolio russo entro la fine dell'anno, è probabile che la Russia rimanga parte della Carta di cooperazione firmata tra i membri dell'Opec+ nel luglio 2019, ha detto Al Ghais.

L'Opec+ è un'alleanza formata dall'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e dai suoi alleati.

"Ci piacerebbe estendere l'accordo con la Russia e gli altri produttori non-Opec... è molto difficile per me immaginare che l'accordo non prosegua", ha chiarito Al Ghais.

"Si tratta di una relazione a lungo termine che comprende forme più ampie e complete di comunicazione e cooperazione tra 23 paesi. Non si tratta solo di un adeguamento della produzione", ha aggiunto.

Al Ghais, che questo mese è diventato segretario generale dell'Opec, ha detto che sostituire i barili russi "non è un compito facile" e che una minore produzione russa avrebbe "gravi, gravi implicazioni per i consumatori". Ma si è dichiarato fiducioso che il mercato si adatterà.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Sabina Suzzi)