Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.720,24
    -313,43 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.090,91
    +51,23 (+0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1908
    -0,0093 (-0,77%)
     
  • BTC-EUR

    32.306,63
    -496,91 (-1,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    952,39
    -17,48 (-1,80%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.207,31
    -16,39 (-0,39%)
     

Ora Amazon vuole Metro-Goldwyn-Mayer per potenziare l’offerta Prime Video

·1 minuto per la lettura
Ora Amazon vuole Metro-Goldwyn-Mayer per potenziare l’offerta Prime Video
Ora Amazon vuole Metro-Goldwyn-Mayer per potenziare l’offerta Prime Video

Si starebbe trattando per una cifra attorno ai 9 miliardi di dollari. Amazon punta così a sfidare Netflix, acquisendo la storica società del leone che ruggisce per aumentare i contenuti

Amazon sarebbe interessata ad acquisire la società cinematografica e televisiva Mgm (Metro-Goldwyn-Mayer), per circa 9 miliardi di dollari (7,4 miliardi di euro). Le trattative proseguirebbero da diverse settimane, con l’interesse del capo di Amazon Tv Mike Hopkins e il presidente di Mgm Kevin Ulrich, il cui fondo Anchorage Capital rappresenta il principale azionista di Mgm.

LA CASA DEL LEONE

La storica società del leone che ruggisce cerca da mesi un nuovo acquirente, come riportato da Bloomberg. L’ingresso di Amazon consentirebbe al colosso dell’e-commerce, che ormai da tempo punta sui video in streaming con Prime, di ampliare ulteriormente la propria offerta di contenuti.

UNA STORIA QUASI CENTENARIA

Il logo con il ruggito del leone nasce nel 1924, quando il magnate Marcus Loew comprò ed unì la Metro Picture Corp. con la Goldwyn Picture e Louis B. Mayer Productions: in quasi cento anni di storia, la società vanta la più vasta cine-libreria del mondo, con oltre 4.100 titoli, più di 10.400 episodi di serie televisive e ha vinto 208 premi Oscar.

LA SFIDA CON NETFLIX

La sfida con Netflix è già entrata nel vivo durante l’anno del Covid, con la richiesta di contenuti video balzata all’insù a causa dei lockdown. Le società che forniscono contenuti video in streaming sono tra quelle che hanno maggiormente beneficiato della “stay at home economy”. Degli oltre 200 milioni di utenti Amazon Prime, lo scorso anno almeno 175 milioni di persone hanno visto un contenuto Prime Video in streaming.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli