Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.886,12
    +1.318,57 (+3,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Orcel aperto a negoziare in causa contro Santander se nominato AD Unicredit - fonte

·2 minuto per la lettura
Andrea Orcel a Londra

MADRID (Reuters) - Il banchiere italiano Andrea Orcel è disposto a negoziare un accordo con Santander, con cui è in causa dopo che la banca spagnola ha fatto marcia indietro su un'offerta per il posto di Ceo, anche riducendo le proprie richieste di risarcimento da 112 milioni di euro a circa 60 milioni di euro.

Lo ha riferito a Reuters una fonte a conoscenza della situazione.

"Se Orcel sarà nominato Ceo di Unicredit, la parte della causa riguardante l'adempimento del contratto dovrebbe essere revocata", ha detto la fonte, aggiungendo che la questione è ancora aperta.

Secondo due fonti, il cda di UniCredit designerà oggi Andrea Orcel nuovo Ceo della banca, preparando il terreno per la sua nomina ad aprile.

Santander non ha commentato, mentre il portavoce di Orcel nell'immediato non è stato disponibile per un commento.

Secondo la fonte tuttavia Orcel sosterrà comunque, nel corso del processo previsto per il 10 marzo, che la lettera scritta da Santander nel settembre 2018 contenente l'offerta di assunzione era legalmente vincolante come contratto.

Dopo essere stato alla guida della divisione di investment banking di Ubs dal 2012 al 2018, Orcel avrebbe dovuto coronare il suo sogno di diventare Ceo prendendo il timone del Santander.

Ma l'istituto di credito spagnolo ha ritirato la propria offerta per alcune divergenze in merito al compenso di Orcel, lasciandolo di fatto disoccupato e spingendo Orcel a fare causa alla banca con una richiesta di danni per 112 milioni di euro.

La fonte oggi ha detto che Orcel chiederà comunque il risarcimento di 17 milioni di euro di bonus e "fino a 35" milioni di euro di un pacchetto del valore di 55 milioni di euro che avrebbe dovuto ricevere in futuro dal suo datore di lavoro dell'epoca, Ubs, e circa il totale di due anni di retribuzione fissa a Santander, stimato intorno ai 10 milioni di euro.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia)