Italia Markets close in 5 hrs 47 mins

Orlando contro Renzi: "Ultimatum come dal Papeete". La replica

Orlando contro Renzi: "Ultimatum come dal Papeete". La replica(AP Photo/Domenico Stinellis)

Andrea Orlando è intervenuto in merito alle dichiarazioni di Matteo Renzi, che ha detto di non aver intenzione di far cadere il governo: "Non è che se un ultimatum lo lanci dal Papeete è peggio che se lo lanci dalla Leopolda: non vanno lanciati, sennò si sfascia tutto". Secondo il vicesegretario Dem, "chi mette in discussione la tenuta di questo governo, mette in discussione la tenuta della democrazia liberale del Paese".

LEGGI ANCHE: Conte sfida Renzi: “Come posso stare sereno?”

L’attacco di Orlando

Orlando ha attaccato così Matteo Renzi: "Non si fanno ultimatum, non si fanno interviste a distanza, non si dice 'devi fare questo, altrimenti...'. Altrimenti cosa?". Sul partito appena fondato da Renzi, ha aggiunto: "Io non so che cosa abbiano fatto di male i lavoratori dipendenti italiani agli esponenti di Italia viva. Traumi infantili, un operaio che ti ha schiacciato un piede quando eri piccolo, non so. Ma la pervicacia con la quale si insiste nell'eliminare una misura, giustamente si è detto, non ancora all'altezza delle aspettative, ma che comunque offre un segnale, è veramente sospetta e incredibile", ha detto ricordando che in Italia ci sono un milione di lavoratori sotto la soglia di povertà".

VIDEO - 5 domande su Italia Viva

La risposta di Renzi

Il leader di Italia Viva, ha replicato così al vicesegretario dem: "Per avere un termine di paragone, Orlando deve conoscere almeno uno dei due posti: visto che alla Leopolda non si è mai visto, spero che almeno abbia frequentato qualche volta il Papeete...".

Renzi ha spiegato comunque di essere "d'accordo con Orlando che non vanno lanciati ultimatum: io ho detto solo che l'Iva non andava. Lui mette sullo stesso piano il Papeete e la Leopolda, ma cosa tradisce questa riflessione? Alla Leopolda non ci sono i mojito o le cubiste, così come non ci sono le penali che il Pd sta mettendo". L'ex premier ha sottolineato quindi che "per me è Salvini l'avversario, ma l'errore che non capisco è che io combatto contro Salvini e Orlando contro di me".

SFOGLIA LA GALLERY: M5s compie 10 anni: i meme più divertenti

L’intervento di Di Maio

Anche Luigi Di Maio ha replicato all'intervista rilasciata da Matteo Renzi, che si è augurato una lunga durata del governo, ma anche a quella di Roberto Speranza secondo cui va abolito il superticket nella sanità. "Sui giornali leggo troppi annunci", dice il ministro degli Esteri.

"Prima facciamo le cose poi diciamole. Stiamo lavorando alla legge di bilancio? Scriviamola, diamo ai cittadini i soldi che meritano e poi facciamo tutte le interviste che volete. Questo non può essere il governo in cui ogni mattina leggiamo interviste che annunciano qualcosa", ha aggiunto. "Sabato era esattamente un mese dal nostro giuramento, ma non possiamo pensare che i cittadini siano bombardati ogni giorno di interviste in cui si rincorrono gli annunci".