Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,09 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,73 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,98 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,47 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +0,14 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    37.407,95
    -2.735,93 (-6,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +5,90 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0063 (+0,52%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,87 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4701
    +0,0010 (+0,07%)
     

Oro, Analisi Tecno-Grafica e Fondamentale: Rialzo Grazie al Dollaro USA?

Flavio Ferrara
·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’Oro è aumentato nelle ultime sedute grazie alla forte debolezza del dollaro USA e alla recente forte incertezza dei tassi del Tesoro a lungo termine (soprattutto a 10 anni). Gli ultimi commenti dei funzionari della Federal Reserve hanno probabilmente alimentato questa tendenza, con il presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, che ha accolto con favore l’inflazione che è arrivata sopra il 2%.

Aspetto sottolineato anche giovedì quando il presidente della FED Jerome Powell ha osservato che la banca centrale “fornirà aiuti all’economia fino a quando non ne avrà più bisogno”.

Pericolo inflazione per gli USA

Il trend futuro dell’Oro sarà fortemente condizionato dall’andamento dell’inflazione, vero pericolo per l’economia statunitense, in rapida crescita nell’ultimo periodo. Nel breve periodo gli occhi sono puntati verso l’appuntamento di oggi alle ore 14.30 dell’indice dei prezzi di produzione USA, un dato di particolare interesse dato i problemi di inflazione globale in aumento. Di conseguenza il dato equivalente degli Stati Uniti sarà uno spartiacque per l’andamento futuro del prezzo dell’Oro.

Il dato annuale dell’IPP secondo gli analisti dovrebbe attestarsi al 3,8% a marzo rispetto al 2,8% precedente. Un aumento più rapido del previsto potrebbe riportare i timori sui prezzi in aumento nei mercati spingendo i rendimenti del Tesoro verso l’alto e di conseguenza l’Oro potrebbe indebolirsi dato il probabile forte apprezzamento del dollaro USA.

Da menzionare comunque il dato mensile sempre dell’IPP che darà suggerimenti ancora più precisi sul possibile andamento dell’inflazione nel breve/medio termine.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni sull’Oro

Il grafico seguente suggerisce chiaramente che la commodity potrebbe continuare a salire nei giorni a venire.

La recente debolezza del dollaro americano ha dato certamente un impulso maggiore al movimento rialzista di questo momento, dove sicuramente i primi “ostacoli/obiettivi” del prezzo sono 1776,14 $ prima e 1800 $ poi; in particolare il secondo target corrisponde al definitivo test di inversione di tendenza, la quale darebbe spazio di ulteriori forti rialzi con i seguenti obiettivi di medio/lungo termine. Il primo target importante a 1999,40 $ mentre il target di fine Onda 5 rialzista a 2197,53 $.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: