Italia markets close in 1 hour 38 minutes
  • FTSE MIB

    23.981,58
    -107,07 (-0,44%)
     
  • Dow Jones

    33.923,71
    +102,41 (+0,30%)
     
  • Nasdaq

    13.773,61
    -12,66 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,52
    -1,15 (-1,84%)
     
  • BTC-EUR

    46.211,87
    -700,98 (-1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.276,32
    +13,36 (+1,06%)
     
  • Oro

    1.787,30
    +8,90 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,2013
    -0,0027 (-0,23%)
     
  • S&P 500

    4.141,21
    +6,27 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.959,67
    +19,21 (+0,49%)
     
  • EUR/GBP

    0,8644
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,1035
    +0,0018 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5183
    +0,0013 (+0,08%)
     

Oro, Analisi Tecno-Grafica: il FOMC Affossa il Dollaro Americano

Flavio Ferrara
·2 minuto per la lettura

Dopo aver placato i timori di un rialzo dei tassi d’interesse si è assistito un forte deprezzamento del dollaro americano e il contemporaneo rialzo delle quotazioni dell’Oro. Il prezzo della commodity ha raggiunto il livello più alto dal primo marzo ma l’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato USA sta rendendo l’Oro meno attraente agli occhi devi investitori.

Durante l’intervista di Powell l’Oro ha iniziato ad apprezzarsi in contrapposizione al biglietto verde subito dopo che la Banca Centrale statunitense ha confermato l’attuale tasso d’interesse e il percorso “accomodante” sui mercati. Ma occhio al rendimento del Tesoro e un rialzo inaspettato dell’inflazione che potrebbero nel breve termine cambiare le carte in tavola e far cambiare totalmente la view della FED.

Cosa può succedere all’Oro dopo la riunione della FED

Dando per scontato la mentalità coerente della Federal Reserve in questo contesto economico forte, l’inflazione potrebbe raggiungere molto prima del previsto l’obiettivo o andare oltre. Ciò potrebbe causare non pochi grattacapi nel panorama e nel mercato borsistico statunitense che dovrebbe cominciare a rincorrere per non rischiare un’inflazione troppo alta che potrebbe fortemente ridimensionare l’azione di sostegno economico intrapresa in questo periodo.

Uno scenario del genere limiterebbe il rialzo del biglietto verde e a sua volta consentirebbe al prezzo dell’Oro di salire. Bisognerà monitorare costantemente le prospettive economiche e l’attuale contesto economico visto che avere una visione troppo ottimistica potrebbe ritorcersi contro e introdurre un sell off del mercato USA non indifferente.

Analisi Tecno-Grafica dell’Oro

Dal punto di vista tecnico, il mese di marzo è stato per la commodity costantemente al rialzo, segno di una probabile inversione rialzista, passando dal minimo del mese a 1676,89 $ l’oncia a 1750 $. Al momento questo movimento è una pura correzione dato che dovrebbe superare due importanti esami per la conferma dell’inversione.

Il primo esame è il target intermedio a 1776,14 $ mentre il secondo esame è un break-out al rialzo dell’attuale canale ribassista. Target del possibile nuovo movimento rialzista (Onda 5) a 2167,53$.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: