Italia markets close in 53 minutes
  • FTSE MIB

    22.584,34
    -401,36 (-1,75%)
     
  • Dow Jones

    33.780,42
    -218,62 (-0,64%)
     
  • Nasdaq

    12.738,83
    -226,51 (-1,75%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    90,77
    +0,27 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    21.385,27
    -2.078,77 (-8,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    509,94
    -31,66 (-5,85%)
     
  • Oro

    1.764,60
    -6,60 (-0,37%)
     
  • EUR/USD

    1,0047
    -0,0045 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    4.238,43
    -45,31 (-1,06%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.741,73
    -35,65 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8504
    +0,0051 (+0,60%)
     
  • EUR/CHF

    0,9634
    -0,0015 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3050
    -0,0011 (-0,08%)
     

Otb e Diesel: progetto pilota per riciclo cotone in Tunisia con Unido

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 lug. (askanews) - Il gruppo OTB di Renzo Rosso e Diesel hanno avviato un progetto pilota per il riciclo del cotone in Tunisia in collaborazione con l'Organizzazione per lo sviluppo industriale delle Nazioni Unite (Unido). L'iniziativa rientra nell'ambito del programma SwitchMed, finanziato dalla Ue e realizzato con la collaborazione del governo tunisino e della FTTH (Federazione tunisina del tessile e dell'abbigliamento) ed è destinato a fare scuola in un settore, quello della moda, sempre più orientato alla sostenibilità e all'utilizzo di materiali e tessuti riciclati.

L'idea alla base del progetto è che gli scarti delle lavorazioni possano e debbano essere trattati come una risorsa e che un utilizzo più responsabile delle materie prime passi attraverso modelli di business circolari estesi a tutta la filiera, con il coinvolgimento fondamentale dei fornitori.

Il progetto verrà sviluppato fra la seconda metà del 2022 e il 2023 e vedrà Diesel e i suoi partner tunisini impegnati nella creazione di un circolo virtuoso delle rimanenze derivanti dal taglio dei tessuti. Gli obiettivi sono il rafforzamento di pratiche di waste management all'interno dei processi produttivi, il miglioramento della differenziazione delle diverse categorie di rimanenze e l'avvio di un processo pilota di riciclo meccanico dei tessuti di scarto composti al 100% cotone o a prevalenza di cotone. Gli scarti di qualità verranno utilizzati per creare nuovi capi, mentre i rimanenti potranno essere impiegati da altri utilizzatori finali.

Questo modello di business innovativo consente non solo di mantenere elevato il valore della materia prima lungo tutta la filiera locale, ma anche di contribuire all'adozione di un approccio circolare da parte dell'intero sistema, che riduca la dipendenza dalle risorse vergini e valorizzi gli scarti, rendendoli nuovamente materia prima da valorizzare. Secondo un recente studio, in Tunisia vengono prodotte 31.000 tonnellate di rifiuti dall'industria tessile e il 55% di questi è classificato come scarto. Sostituire le fibre tessili vergini con quelle riciclate potrebbe così ridurre l'impatto ambientale del settore, salvaguardando le risorse idriche, riducendo le emissioni di carbonio e la dispersione di sostanze chimiche pericolose in agricoltura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli