Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,06 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    46.845,55
    -4.756,73 (-9,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8651
    -0,0032 (-0,37%)
     
  • EUR/CHF

    1,1011
    -0,0022 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4972
    -0,0038 (-0,25%)
     

Ottimismo resta marcato

Bruno Chastonay
·3 minuto per la lettura

Nervosismo permane, entro vaccini e virus dilagante, con nuove restrizioni e chiusure in EU, aperture e previsioni ottimistiche in USA, record pandemia in Sud America, e tra nuovi vaccini, con omologazione J&J in EU, e mancanza di Sputnik, ad inasprire la guerra dei vaccini. I Passaporto Vaccinale EU sarà per tutti quelli autorizzati da EMA. Timori maggiori per gli effetti collaterali, vedi AstraZeneca attualmente in fermo in 12 nazioni. La POLITICA prosegue con ottimismo “del tutti vaccinati” entro l’estate. i DATI economici, sempre molto distorti, e non contemplanti l’ondata attuale di pandemia, sono di scarso interesse, in mercati tutti focalizzati sul fattore INFLAZIONE, con eccessivi timori presenti. Le Banche Centrali, con FED, BoJ, ECB, RBA, e altre, molto presenti con INTERVENTI verbali e diretti, a sostenere i mercati finanziari, tramite i loro acquisti di assets, primariamente BONDS, a contenere il COSTO FINANZIAMENTO, in un mondo di record DEFICIT – DEBITI, e in netto rialzo globale. Sul fronte del COMMERCIO, crollo di import/export entro UK-EU post Brexit, tensioni entro CINA-USA invariate anche con Biden. In generale si vede un rallentamento della domanda di COMMODITY, METALLI, dopo l’abbuffata recente, con nuovi record massimi nelle quotazioni, fomentata dalle ASPETTATIVE di una rapida e robusta RIPRESA POST-COVID. Le attuali misure restrittive, e deterioramento dei consumi, occupazione, produzione, hanno ridotto queste speranze. Le previsioni di CRESCITA EU sono state ridotte dalle parole di Lagarde-ECB, e ci sono divergenze sul livello yield per il controllo dei costi finanziamento,  e si passa dai 60bln di acquisti bonds – PEPP di febbraio, verso i 100bln da marzo. Da Biden attesa prox giorni firma STIMOLO USA per 1.9trln, dopo le diatribe politiche, modifiche e compromessi ampi sul piano, e il RECOVERY FUND in EU si deve ancora attendere almeno 2 mesi, per i piani di investimento dai vari Governi. Le ASTE del TESORO USA sono andate bene, e tolgono cosi i timori sul piazzamento della “carta”.

Con la crisi attuale, alimentata maggiormente dalla pandemia, le tensioni GEOPOLITICHE sono in netto aumento, particolarmente nel Medio Oriente, con ri-orientamenti della politica USA, con Iran, Israele, Yemen, Saudi Arabia, senza scordare Cina-India, Pakistan, Ucraina, e molti altri, con un focus su TERRE RARE, TELEFONIA 5G, TECNOLOGIA, BIOTEC, mercato ARMI, ALIMENTARI e MEDICINALI, e i prezzi del PETROLIO. Dopo la ECB-EU che ha riconfermato la politica monetaria in toto, avremo la FED-USA il  17pv, BoE-UK il 18, la BoJ-JPN il 19, la BNS-CH il 25, a seguire le sue orme, in cerca di guadagnare tempo per valutare l’andamento e gli effetti della pandemia sull’economia, e nella morsa del fattore TINA (there is no alternative). OGGI rialzi per gli INDICI, da Asia con JPN, poi stoppati dalla ripresa di YIELDS. Bene banche, petroliferi, telefonia, lusso, sotto tono industriali, recupero marcato tech e ritorno vendite, volatilità alta. SPREAD stabile su minimo recente. PETROLIO, COMMODITY, METALLI, PREZIOSI calo generale, maggiori timori per domanda e/o ripresa. sulle VALUTE un DOLLARO in ripresa, mette peso su EURO, e maggiori apprensioni a dare peso su EMEGENTI, TURK, ARGENTINA, EST-EU. cedono CHF, YEN, SING, NORDICHE. Stabili ANGLO, GBP, URSS, YUAN. Spinta su CRIPTO valute prosegue con +3/8pc, poi frenato da annuncio investigazione Usa su uso derivati, chiudono -5/-8pc.. Rialzo VOLATILITA’.

Autore: Bruno Chastonay Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online