Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.163,26
    +1.471,07 (+3,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Ovs: titolo in volata (+10%) all’indomani dei conti dell’esercizio 2020-21

simone borghi
·1 minuto per la lettura

Sfreccia ad alta velocità il titolo Ovs a Piazza Affari con un rialzo di quasi il 10% a 1,48 euro. A spingere le quotazioni i risultati finanziari dell'esercizio 2020/2021 (l'azienda chiude il bilancio il 31 gennaio), chiuso oltre le aspettative del mercato. I ricavi rettificati si attestano a 1,02 miliardi di euro, in flessione del 25,7% rispetto agli 1,37 miliardi realizzati nel 2019. Come per molte altre realtà del panorama fashion, anche per Ovs le vendite online sono aumentate significativamente, con una crescita pari al 63%, il doppio rispetto alla crescita del canale di riferimento in Italia. L’Ebitda rettificato ammonta a 72,9 milioni, in contrazione di 83,3 milioni, rispetto ai 156,3 milioni del 2019. Il risultato netto rettificato è negativo per 4,8 milioni (+57,7 milioni nel 2019). Il CdA ha deliberato di non proporre all’assemblea degli azionisti il pagamento di dividendi. Sull’andamento del primo semestre 2021 l’ad di Ovs, Stefano Bealdo, dichiara: “Ci attendiamo nel primo trimestre 2021 un andamento della topline che continuerà a sovraperformare il mercato dell’abbigliamento in Italia e un andamento della redditività in marcato recupero rispetto a quella del 2020, periodo in cui il lockdown aveva interessato per lunga parte tutto il network del Gruppo. Si consolidano pertanto le aspettative di forte recupero della redditività per l’anno in corso e di un progressivo deleverage”.