Italia markets close in 40 minutes
  • FTSE MIB

    22.911,05
    -172,50 (-0,75%)
     
  • Dow Jones

    31.441,37
    +49,85 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.210,77
    -148,02 (-1,11%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    61,32
    +1,57 (+2,63%)
     
  • BTC-EUR

    41.929,82
    +712,50 (+1,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.012,04
    +23,94 (+2,42%)
     
  • Oro

    1.707,30
    -26,30 (-1,52%)
     
  • EUR/USD

    1,2069
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    3.852,65
    -17,64 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.698,20
    -9,52 (-0,26%)
     
  • EUR/GBP

    0,8656
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,1070
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,5241
    -0,0030 (-0,20%)
     

Oxfam: paperoni più ricchi, i più poveri si riprenderanno tra 10 anni

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - Le 1.000 persone più ricche del mondo hanno recuperato in appena nove mesi tutte le perdite che avevano accumulato per l'emergenza Covid-19, mentre i più poveri per riprendersi dalle catastrofiche conseguenze economiche della pandemia potrebbero impiegare più di 10 anni. E' quanto emerge da "Il virus della disuguaglianza", il nuovo rapporto pubblicato da Oxfam, in occasione dell'apertura dei lavori del World Economic Forum di Davos, che mostra come la pandemia abbia acuito le disuguaglianze economiche e sociali, razziali e di genere preesistenti.

Grazie a un sistema economico iniquo un'élite di miliardari ha continuato a accumulare ricchezza nel corso della più grave crisi dai tempi della Grande Depressione, mentre miliardi di persone sono state spinte sull'orlo della povertà. Per la prima volta in un secolo, sottolinea Oxfam, si potrebbe registrare un aumento della disuguaglianza economica in quasi tutti i paesi contemporaneamente.

A dicembre la ricchezza dei miliardari nel mondo aveva raggiunto il massimo storico di 11.950 miliardi di dollari, ossia quanto stanziato da tutti i Paesi del G20 per rispondere al coronavirus. Dall'inizio della pandemia il patrimonio dei primi 10 paperoni del mondo è aumentato di 540 miliardi di dollari: risorse sufficienti, evidenzia Oxfam, a garantire un accesso universale al vaccino anti-Covid e assicurare che nessuno cada in povertà a causa del virus.