Italia Markets close in 53 mins

P.A., Dadone: c'è molto da fare sul fronte della formazione

Vis

Roma, 5 ott. (askanews) - "C'è molto da fare sul fronte della formazione di chi lavora nella pubblica amministrazione. C'è la Sna, la scuola di formazione della P.A., che è un'eccellenza, ma dobbiamo riuscire a trasformarla e implementare i corsi a distanza, per chi sta nella pubblica amministrazione e non riesce a formarsi salvo quella che è la cosiddetta formazione obbligatoria". Così a SkyTg24 il ministro della Funzione pubblica, Fabiana Dadone.

"Ho deciso di cominciare da una fase di ascolto e apertura proprio verso i rappresentanti dei Comuni e le sigle sindacali che saranno convocati la prossima settimana al ministero - annuncia - perché non vorrei essere un ministro che impone le manovre dall'alto, ma vorrei che da loro mi arrivassero indicazioni su quelle che secondo loro sono le priorità. Rivedere la riforma delle pensioni era un'esigenza che si sentiva nel Paese da anni, su questo già dal precedente Governo sono state sbloccate una serie di assunzioni per cui per gli anni 2019, 2020 e 2021 si va a copertura totale. Ci sono altre problematiche su cui ho già aperto fascicoli di discussione, per esempio lo scorrimento delle graduatorie, è sicuramente un argomento importante, non ci sono stati i tempi effettivi perché la crisi di agosto ha portato il ministero a trovarsi una scadenza imminente e con l'impegno a non creare decreti ad hoc che cadessero a pioggia sul Parlamento. Ho ritenuto di dare una risposta con degli emendamenti in Parlamento, tutelando le esigenze dei Comuni e degli idonei, ma rientrando in un ritmo fisiologico in base al quale non si può sempre andare a pescare da graduatorie molto arretrate. Sulla questione del blocco dello scorrimento del primo gennaio so che ci sono delle proposte di legge in Parlamento e vorrei prevedere una modifica in questo senso: un bacino che sia del 30% di possibilità di andare a pescare dalle graduatorie degli idonei, per permettere ai comuni di avere flessibilità".

(Segue)