Italia markets open in 1 hour 52 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.412,67
    -250,83 (-0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    -0,0033 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    40.424,09
    +1.515,04 (+3,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    974,72
    -11,93 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    29.041,37
    -411,20 (-1,40%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

P.A.,pensionati verso sorpasso su dipendenti.Sono 3 mln ma saliranno

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 gen. (askanews) - I pensionati del settore pubblico rischiano di superare il numero degli attuali dipendenti. Gli statali italiani sono 3,2 milioni, con un'età media di 50,7 anni, di cui il 16,9% over 60. Il numero di pensionati sta per raggiungere quello degli impiegati: al primo gennaio 2020 erano circa 3 milioni e destinati a salire, con 540.000 dipendenti pubblici che avevano compiuto 62 anni e 198mila che avevano maturato oltre 38 anni di anzianità. È il quadro che emerge dall'Annual Report 2020, il volume di Fpa, società che ogni anno da sei edizioni analizza i principali dati e fenomeni di innovazione nella Pubblica Amministrazione italiana.

Il 2020 è stato l'anno dello smart working dei dipendenti pubblici, per la maggioranza un'esperienza completamente nuova: nel sondaggio Fpa, di maggio 2020, per l'87,7% di loro è stata la prima volta. Ma il bilancio è positivo: l'88% dei dipendenti ha giudicato l'esperienza di successo, il 69,5% ha potuto organizzare e programmare meglio il lavoro e il 34,9% ha lavorato in un clima di maggior fiducia e responsabilizzazione. Inoltre, lavorare da casa non ha significato smettere di essere produttivi: per il 41,3% dei dipendenti P.A., l'efficacia lavorativa è migliorata.

Sulle competenze della P.A. "è ormai chiara la necessità di una visione strategica di lungo periodo". In 10 anni la spesa in formazione si è quasi dimezzata, -41%. Dal 2008 al 2018 si è passati da 262 a 154 milioni di euro di investimento, 48 euro per ciascun dipendente, offrendo una media di 1,02 giorni di formazione l'anno a persona. "La mancanza di formazione ha svelato tutte le sue gravi conseguenze in piena pandemia, specie sul digitale, a causa della remotizzazione del lavoro", si legge nel report. La risposta italiana è stata la pubblicazione della Strategia Nazionale per le Competenze Digitali che delinea gli obiettivi strategici e definisce quattro assi su cui intervenire: l'istruzione e la formazione superiore, la cittadinanza, la forza lavoro attiva e lo sviluppo di competenze specialistiche Ict.

Mlp