Italia markets open in 46 minutes
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0356
    +0,0021 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    16.297,76
    +263,89 (+1,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    400,84
    +12,11 (+3,12%)
     
  • HANG SENG

    18.367,26
    +162,58 (+0,89%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     

Pa, i dipendenti più 'anziani' ai ministeri Cultura e Difesa, età media 58 anni

(Adnkronos) - I dipendenti pubblici sono tra i più anziani d'Europa. L'età media è di 54,7 anni ma si alza notevolmente se si analizzano le singole amministrazioni centrali, con i lavoratori dei ministeri della Cultura e della Difesa, dove si raggiungono i 58 anni. E' quanto emerge da un'elaborazione della Flp, Federazione Lavoratori pubblici e Funzioni pubbliche, sui piani di fabbisogno delle singole amministrazioni, aggiornati a fine 2021 e in alcuni casi a marzo 2022, e presentata oggi in una conferenza stampa in cui i vertici del sindacato hanno sfatato uno dei più frequenti luoghi comuni: il loro numero è inferiore ad altri Paesi e sono pagati di meno, a causa anche del blocco decennale dei contratti.

I dipendenti più avanti con l'età si trovano, a seguire, al ministero dello Sviluppo economico, dove l'età media è di 57 anni e dell'Istruzione con 56 anni. Sopra la media con 55 anni anche i dipendenti del ministero dell'Economia e delle Finanze, dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli, dell'Agenzia delle Entrate e ancora dell'Inps.

Più giovani della media invece con 52 anni, figurano gli addetti del ministero dell'Interno ma i dati sono al netto del personale della carriera prefettizia che ha una scopertura di 451 unità, come viene precisato dalla Flp e nettamente più giovani i dipendenti di Inail con 48 anni di età media.

Dalle tabelle sui piani di fabbisogno, elaborate dalla, Flp si evince anche un interessante spaccato sulla carenza di personale nelle amministrazioni centrali con il dicastero dell'Istruzione che guida questa classifica con un -49% di personale e addirittura -64% di dirigenti.

Una carenza di dirigenti che vede al secondo posto il ministero della Giustizia con -57% mentre il personale è a -25%. Ancora poco personale al ministero della Cultura - 44%e all'Ispettorato del lavoro (Inl) con - 43%. In tutti gli enti presi in considerazione comunque, si segnalano carenze di personale che oscillano dal -49% dell'Istruzione al a -16% dell'Inail.