Italia markets open in 1 hour 15 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1939
    +0,0020 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    15.040,38
    -47,18 (-0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    350,31
    -20,21 (-5,45%)
     
  • HANG SENG

    26.725,51
    +55,76 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Pa Social: petizione per riforma l. 150 su comunicazione pubblica

Com
·2 minuto per la lettura

Roma, 18 nov. (askanews) - La riforma della legge 150 sulla comunicazione pubblica è stata un tema caldo tra quelli di cui si è parlato oggi nel corso dell'assemblea annuale di PA Social, svoltasi in modalità completamente digitale con il patrocinio della Camera dei Deputati. Un'occasione di confronto che ha visto anche la partecipazione della sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico Mirella Liuzzi e del sottosegretario all'Editoria della Presidenza del Consiglio Andrea Martella. "Apprezzo e sostengo il lavoro che è stato fatto anche da PA Social per la riforma della Legge 150 del 2000 che va assolutamente modificata - ha detto Liuzzi in un video messaggio di saluto -. Credo fermamente che ci sia la necessità, anche alla luce del nuovo paradigma digitale dettato dall'emergenza sanitaria, di una legge fortemente orientata alle competenze digitali". "Con PA Social rappresentate una realtà importante - ha detto in un video Martella - la comunicazione pubblica è fondamentale e la sua accessibilità interessa da vicino la qualità stessa della nostra democrazia. La transizione digitale ha uno specifico valore nel futuro dell'informazione e dei media ed è anche per questo che riteniamo che il sistema dell'informazione debba entrare nel Recovery Fund o meglio nel Next Generation. C'è poi il documento molto articolato consegnato dal gruppo di lavoro promosso dal Ministero per la Pubblica Amministrazione sulla riforma della legge 150, su cui lavorare e approfondire, per un obiettivo da realizzare nei prossimi mesi. Ho sempre apprezzato la disponibilità e il confronto di PA Social come di altre associazioni, c'è la consapevolezza che la comunicazione pubblica sia importante per avvicinare i cittadini alle istituzioni, può garantire trasparenza e velocità nel quotidiano. Ci sono importanti sfide che affronteremo con spirito collaborativo". P.A. Social proprio oggi attraverso il presidente Francesco Di Costanzo ha lanciato una petizione per accelerare l'iter della riforma della comunicazione e informazione pubblica: "Dobbiamo correre - ha detto - non possiamo perdere altro tempo, il momento è adesso. Per questo motivo abbiamo deciso di promuovere una petizione online, credo serva una forte spinta da parte di tutto il mondo della comunicazione e informazione digitale".