Italia markets close in 7 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    25.339,54
    +23,97 (+0,09%)
     
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    73,37
    +0,52 (+0,71%)
     
  • BTC-EUR

    28.644,14
    +1.495,11 (+5,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    819,17
    +24,84 (+3,13%)
     
  • Oro

    1.783,10
    +5,70 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,1946
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     
  • HANG SENG

    28.817,59
    +507,83 (+1,79%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.107,80
    -15,33 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8545
    -0,0014 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0959
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4676
    -0,0017 (-0,12%)
     

Pac, Confeuro: sostenibilità, Governi non facciano marcia indietro

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 giu. (askanews) - "Il fallimento dei ultimi negoziati sulla futura Pac confermano come sia necessario arrivare al prossimo appuntamento con la certezza che i principi ispiratori della riforma non siano di nuovo messi in discussione", così in una nota Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli "ha giustamente ribadito che la disponibilità a trovare soluzioni condivise non deve mettere in pericolo le tre gambe della sostenibilità: quella ambientale, economica e sociale. Di fronte a un nodo cruciale come quello della politica agricola comune, l'Europa ha mostrato ancora una volta di essere divisa. Al tempo stesso - spiega Tiso - i Governi si fanno portatori di interessi che, prima di essere nazionali, sono spesso il riflesso della pressione che le grandi aziende del sistema agroindustriale esercitano per non cambiare il metodo di ripartizione dei fondi, fortemente sbilanciato a loro favore".

"Se si vogliono avere chance di successo, il prossimo vertice deve essere accuratamente preparato sin da ora, in modo da raggiungere un accordo sui principi generali della riforma prima che Parlamento e Consiglio europeo tornino a riunirsi. Non vorremmo assistere a un nuovo braccio di ferro, dove ogni volta sembra che il lavoro debba ricominciare daccapo e le regole integralmente riscritte", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli