Italia markets open in 3 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    +132,77 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.110,78
    +439,08 (+1,48%)
     
  • EUR/USD

    1,2183
    +0,0015 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    41.102,05
    -651,97 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    997,08
    -17,83 (-1,76%)
     
  • HANG SENG

    30.356,40
    +638,16 (+2,15%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

Pacchetto stimoli USA sotto la lente

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

A dispetto della recente contrazione degli asset rischiosi, il clima rimane positivo sui mercati. L’ottimismo è dovuto a diversi elementi, tra cui la diminuzione a livello globale dei casi di Coronavirus in un contesto dove la campagna vaccinale continua a proseguire. Guardando oltreoceano, agli Stati Uniti, è da segnalare come diverse testate giornalistiche abbiano riportato la notizia secondo cui l’Amministrazione Biden avrebbe interpellato Amazon e altre società per dare vita ad un piano logistico per la consegna dei vaccini. I Democratici sono tornati a guardare al piano di stimoli da 1.900 miliardi di dollari. È infatti da segnalare come le precedenti misure di sostegno all’economia scadranno il prossimo 14 marzo e quindi risulta fondamentale trovare un disegno di legge che sia sostenibile da tutti i 50 Dem al Senato. Ad accrescere il sentiment orientato all’acquisto è anche la stagione delle trimestrali statunitensi, che si sta rivelando meglio delle attese. Secondo FactSet infatti, circa l’80% delle aziende che hanno pubblicato i conti del 4° trimestre 2020 hanno sorpreso in positivo gli analisti di Wall Street. Secondo diversi esperti comunque la situazione è quella di una ripresa a K, caratterizzata da alcune aree del mercato che stanno performando estremamente bene e altre fortemente penalizzate. Guardando all’Italia è da segnalare la domanda record della prima emissione di titoli di Stato dell’era Draghi: per il bond a 10 anni si sono registrate richiesto per 110 miliardi di euro e di 24 miliardi di euro per quello a 30 anni indicizzato. Oggi e domani l’ex Governatore della BCE Mario Draghi chiederà la fiducia alle Camere.

FOCUS SU VERBALI RIUNIONE FED DI GENNAIO

La giornata di oggi vedrà gli operatori concentrati su pochi dati relativi al Vecchio Continente. Saranno solo da tenere sott’occhio le aste dei titoli di Stato tedeschi a 30 anni. Nel pomeriggio invece il calendario economico diventerà più fitto. Le attenzioni saranno catalizzate soprattutto sulle vendite al dettaglio statunitensi di gennaio. Sempre guardando agli Stati Uniti attenzione alla produzione industriale e manifatturiera di gennaio e all’indice dei prezzi alla produzione. In serata invece riflettori puntati sui verbali della riunione della FED di gennaio.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online