Italia markets open in 1 hour 15 minutes
  • Dow Jones

    33.677,27
    -68,13 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    13.996,10
    +146,10 (+1,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.650,04
    +111,34 (+0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1965
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    53.864,86
    +3.027,35 (+5,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.392,07
    +98,08 (+7,58%)
     
  • HANG SENG

    28.914,82
    +417,57 (+1,47%)
     
  • S&P 500

    4.141,59
    +13,60 (+0,33%)
     

Pagamenti INPS 2021: ecco tutte le scadenze del mese di aprile per bonus e pensioni

Gaia Terzulli
·5 minuto per la lettura
Pagamenti INPS 2021: ecco tutte le scadenze del mese di aprile per bonus e pensioni
Pagamenti INPS 2021: ecco tutte le scadenze del mese di aprile per bonus e pensioni

Si parte con NASpI, seguono reddito e pensione di cittadinanza, poi bonus bebè. Novità per chi richiede reddito d'emergenza. Bonus Covid per lavoratori dello sport

Ad aprile l’agenda dei contribuenti sarà ricca di appuntamenti. Dal decimo all’ultimo giorno del mese è un susseguirsi di date da tenere a mente per chi volesse riscuotere bonus o indennità secondo le modalità previste dal Decreto Sostegni.

L’INDENNITA’ MENSILE DI DISOCCUPAZIONE (NASpI)

Il primo appuntamento da tenere a mente riguarda l’indennità mensile di disoccupazione (NASpI), destinata ai dipendenti che hanno involontariamente perso il lavoro. Con il Decreto del 23 marzo il sussidio potrà essere concesso, fino al 31 dicembre 2021, a prescindere dai 30 giorni di effettivo impiego nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione. La NASpI del mese di marzo verrà erogata dall’INPS a partire dal 10 aprile 2021. Ogni contribuente può consultare il proprio fascicolo previdenziale sul sito dell’istituto per conoscere la data in cui riceverà il versamento.

IL REDDITO E LA PENSIONE DI CITTADINANZA

Per reddito e pensione di cittadinanza sono due le date da tenere a mente. La prima è il 15 aprile, giorno a partire dal quale l’INPS erogherà l’RDC e la PDC a coloro che li hanno richiesti entro il 28 marzo 2021. Per ritirare le somme, i contribuenti dovranno rivolgersi alle Poste, che rilasceranno delle carte già caricate con l’ammontare dovuto. L’altra data da segnare è il 27 aprile, quando riceveranno reddito e pensione di cittadinanza coloro che ne hanno già beneficiato in passato. Tuttavia, per stimolare la ripresa occupazionale, il Decreto Sostegni ha stabilito la sospensione dell’RDC per chi abbia trovato lavoro per una durata di sei mesi.

IL BONUS BEBE’

Il 18 aprile è la volta dell’assegno di natalità, detto anche bonus bebè, destinato alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo e a queste erogato a cadenza mensile fino al compimento del primo anno d’età del bambino o del suo primo anno d’ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione o affidamento. L’importo dell’incentivo varia in base all’ISEE del nucleo familiare e va da un minimo di 80 a un massimo di 160 euro mensili. Anche in questo caso, i genitori interessati a conoscere la data esatta dell’accredito per il mese di marzo, possono consultare il proprio fascicolo previdenziale sul sito dell’INPS.

IL NUOVO BONUS IRPEF (EX BONUS RENZI)

Dal 23 aprile 2021 il bonus Irpef, che da luglio 2020 sostituisce il bonus Renzi, verrà automaticamente erogato a coloro che hanno i requisiti necessari. Si tratta di un premio di 100 euro mensili per i lavoratori dipendenti e assimilati con un reddito inferiore a 28.000 euro, per i disoccupati con NASpI e per coloro che già beneficiano di altri sostegni economici in aggiunta al reddito, come l’indennità di maternità, l’indennità di tirocini e la cassa integrazione. Il bonus verrà accreditato direttamente dai datori di lavoro sulla busta paga dei propri dipendenti, mentre i titolari di NASpI lo riceveranno dall’INPS sul proprio conto corrente.

LE PENSIONI ANTICIPATE DI MAGGIO

Dato il protrarsi dell’emergenza sanitaria, anche le pensioni di maggio potranno essere riscosse in anticipo alle Poste, rispettando un sistema di turni per evitare assembramenti. Sarà l’INPS a comunicare il calendario per il ritiro, che seguirà un ordine alfabetico. Il periodo dovrebbe essere compreso tra il 26 aprile e il 1° maggio.

IL REDDITO DI EMERGENZA PROROGATO PER MARZO, APRILE E MAGGIO 2021

Il Decreto Sostegni ha prorogato il reddito di emergenza per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021, con alcune novità. Potranno beneficiare del sussidio anche i disoccupati a cui siano scadute NASpI o DIS-COLL tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 o che abbiano un ISEE inferiore a 30.000 euro. Per le famiglie con contratto d’affitto è inoltre previsto un aumento delle soglie di accesso al reddito pari a un dodicesimo del canone di locazione (in precedenza erano fissate a un massimo di 15.000 euro di ISEE e di 20.000 di patrimonio mobiliare). Il REM, destinato a chi abbia affrontato gravi difficoltà economiche a causa della pandemia, viene erogato in due soluzioni e può variare dai 400 agli 840 euro in base all’ISEE complessivo del nucleo familiare. Le nuove tranche dovrebbero arrivare dalla seconda metà di aprile, ma per le famiglie che lo richiedono per la prima volta il termine per presentare domanda è il 30 aprile.

IL BONUS COVID PER I LAVORATORI STAGIONALI O PRECARI

Un’altra misura prevista dal Decreto Sostegni riguarda un bonus Covid da 2400 euro da erogare una tantum per alcune delle categorie professionali più colpite dall’emergenza sanitaria. Fanno parte della lista messa a punto nel provvedimento: - i lavoratori stagionali e in somministrazione operativi nel turismo e presso gli stabilimenti termali - i lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi dai due sopraccitati - i lavoratori intermittenti - i lavoratori autonomi occasionali - i lavoratori incaricati di vendite a domicilio - i lavoratori a tempo determinato impiegati nei settori turistico e degli stabilimenti termali - i lavoratori del mondo dello spettacolo Per ottenere il bonus Covid bisogna rientrare nei requisiti sul fatturato e sui tempi di sospensione dell’attività previsti dal Decreto. Chi in passato ha già beneficiato del premio previsto dal Decreto Ristori riceverà automaticamente il bonus Covid. Per coloro che, invece, hanno perso o ridotto il lavoro dopo il 30 novembre 2020, l’unico modo per ricevere il sussidio è fare domanda all’INPS entro il 30 aprile.

IL BONUS COVID 2021 PER I LAVORATORI DELLO SPORT

Il Decreto Sostegni ha destinato dei fondi anche ai lavoratori del settore sportivo. Per chi collabora con il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e dal CIP, le società e le associazioni sportive dilettantistiche che, a causa della pandemia, hanno ridotto o sospeso l’attività, il Governo ha previsto un bonus fino a 3600 euro. La somma verrà erogata automaticamente dalla società italiana Sport e Salute a coloro che avevano già beneficiato del sostegno introdotto dal Decreto Ristori quater. Per i nuovi richiedenti, invece, il periodo valido per fare domandasulla piattaforma della società Sport e Salute – va dal 1° al 15 aprile. Gli importi spettanti dovrebbero arrivare nella seconda metà del mese.