Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.332,08
    -537,29 (-1,54%)
     
  • Nasdaq

    14.569,73
    -400,24 (-2,67%)
     
  • Nikkei 225

    30.183,96
    -56,10 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1688
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    35.238,49
    -2.000,14 (-5,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.015,04
    -42,11 (-3,98%)
     
  • HANG SENG

    24.500,39
    +291,61 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.356,76
    -86,35 (-1,94%)
     

Palestre e discoteche chiuse: soldi fondo Mise, a chi spettano

·1 minuto per la lettura

Un fondo da 140 milioni per discoteche, palestre, cinema, teatri rimasti chiusi per regole e misure adottate durante l'emergenza covid. Il fondo è stato attivato dal ministero dello Sviluppo economico con l'obiettivo di sostenere le attività d’impresa e professioni.

Nel dettaglio, discoteche e sale da ballo sono alcune delle attività che potranno richiedere i contributi a fondo perduto fino a un massimo di 25 mila euro, per ciascun soggetto beneficiario, e a cui è destinata una quota pari a 20milioni di euro del fondo istituito dal Mise.

Fino a 12mila euro l'ammontare dei contributi che invece potranno essere richiesti da altre attività ammesse alla misura come palestre, impianti sportivi, parchi tematici, eventi di teatro, cinema, arte, fiere e cerimonie.

Il decreto interministeriale, già firmato dal ministro Giorgetti, definisce l’elenco delle attività che hanno diritto a usufruire del sostengo economico, in quanto rimaste chiuse per un periodo complessivo di almeno cento giorni, nonché i criteri e le modalità per richiedere il contributo. I termini per l’avvio delle richieste dei beneficiari verranno comunicati dall’Agenzia delle Entrate, che potrà successivamente procedere con l’accreditamento diretto del contributo a fondo perduto.

"E' un provvedimento doveroso, promesso alle categorie che sono state costrette a restare chiuse per legge", dice Giorgetti. "È giusto - aggiunge - che discoteche, palestre e altre realtà in condizioni simili abbiano uno strumento speciale avendo pagato un prezzo più alto a causa dei cambiamenti imposti dalle regole restrittive contro il Covid. In occasione degli incontri al Mise, ma anche in altri contesti, questa necessità e urgenza era venuta fuori in maniera determinante. Iniziamo con questo fondo, 140 milioni, che però può essere rifinanziato se sarà necessario", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli