Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.622,70
    +132,01 (+0,37%)
     
  • Nasdaq

    15.412,00
    +176,17 (+1,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1685
    +0,0079 (+0,68%)
     
  • BTC-EUR

    51.476,06
    +824,73 (+1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.459,32
    +39,95 (+2,81%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.586,01
    +34,33 (+0,75%)
     

Panificatori in stato di agitazione per mancato rinnovo Ccnl

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 ott. (askanews) - Dopo ormai quasi tre anni dal mancato rinnovo del CCNL Panificazione, scaduto il 31 dicembre 2018, le segreterie nazionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno deciso di proseguire con lo stato di agitazione, i cui dettagli saranno annunciati con una conferenza stampa.

"Il mancato rinnovo del Ccnl Panificazione - spiegano i sindacati - lascia senza tutele proprio quelle lavoratrici e quei lavoratori che nei terribili mesi di lockdown, hanno comunque garantito ogni giorno la produzione di un alimento fondamentale per molte famiglie italiane: il pane. Le parti datoriali, Fippa (Federazione italiana Panificatori) e Fiesa-Assopanificatori, che non siedono unitariamente al tavolo della trattativa, anche se con motivazioni differenti, non hanno la volontà di rinnovare il Contratto nazionale di lavoro. È ora di riprendere un confronto serio e responsabile per dare giusti diritti a tutti i lavoratori e le lavoratrici, a partire dal salario, dalla salute e sicurezza e dalla formazione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli