Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.684,64
    -360,02 (-1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Parità di genere nelle aziende alimentari: un protocollo per promoverla

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 set. (askanews) - Un protocollo di intesa sulle Pari opportunità all'interno delle aziende del settore alimentare. E' quanto hanno sottoscritto le associazioni del settore agroalimentare Unione italiana food e Fai, Flai e Uila, alla presenza della ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti. Unionfood e Fai, Flai, Uila attraverso l'azione di una Commissione paritetica di confronto permanente, spiega una nota, realizzeranno attività di studio e ricerca per promuovere azioni positive e individuare eventuali ostacoli che non consentono l'effettiva parità di opportunità uomo-donna nel lavoro. Nel concreto il protocollo contribuirà al raggiungimento di questo obiettivo anche attraverso l'adozione volontaria di un Codice di condotta e uno schema di Policy di genere.

"Un'iniziativa importante e innovativa - ha affermato la ministra per le Pari opportunità, Elena Bonetti - che va nella direzione tracciata dal governo Draghi e dal mio ministero di valorizzare e liberare pienamente le competenze di ciascuna e ciascuno, promuovendo quelle azioni positive e necessarie per garantire pari opportunità e contrastare ogni forma di discriminazione di genere nel mondo del lavoro. La creazione di un ambiente basato sul rispetto e il benessere della persona è oggi una sfida grande che ci impegna tutti. Sono grata all'Unione italiana food per aver promosso insieme alle organizzazioni sindacali Fai, Flai e Uila, questa iniziativa che permetterà di accrescere la consapevolezza su questi temi anche nel settore dell'industria alimentare e di compiere un altro passo significativo per una piena parità di genere".

"Nell'industria agroalimentare la parità di genere è un valore forte e condiviso che si esprime anche attraverso i rapporti sindacali - ha commentato Marco Lavazza, presidente di Unione Italiana Food - Con questo protocollo facciamo un ulteriore passo avanti sulla strada della collaborazione verso un futuro sempre più equo. Questa iniziativa promuove importanti attività: la sensibilizzazione, formazione e diffusione dei principi fondamentali per favorire le pari opportunità, elemento chiave per un'associazione come la nostra che rappresenta un settore chiave e riconosciuto del Made in Italy".

"Con la firma di questo protocollo abbiamo condiviso con Unionfood la sfida di contribuire a realizzare una concreta parità di genere nel settore - hanno aggiunto i segretari generali di Fai, Flai e Uila Onofrio Rota, Giovanni Mininni e Stefano Mantegazza - In un Paese dove la natalità è ai minimi storici e la popolazione invecchia sempre di più, le relazioni sindacali e la contrattazione possono e devono fare la propria parte ricercando soluzioni innovative che mettano al centro le persone, favorendo la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, promuovendo l'occupazione femminile e contrastando ogni discriminazione di genere. Oggi inizia, quindi, un percorso che, con il coinvolgimento delle istituzioni e delle parti sociali, siamo certi porterà a risultati importanti per il nostro settore e per il nostro Paese".