Italia markets open in 3 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.682,66
    +39,97 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1960
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    52.791,82
    -303,87 (-0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.401,88
    +20,93 (+1,52%)
     
  • HANG SENG

    28.839,16
    +46,02 (+0,16%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     

Party illegale viste le norme anti-Covid: identificati i partecipanti

·1 minuto per la lettura
Festa in villa in piena emergenza Covid-19
Festa in villa in piena emergenza Covid-19

Una festa con una cinquantina di invitati, ovviamente non rispettosa delle norme anti-Covid, era stata organizzata a Mondello (provincia di Palermo). Il party è stato bloccato dalla polizia, durante la serata di sabato 6 marzo, all’interno di una villa vicina al commissariato.

Festa in villa

Le norme contro la diffusione dei contagi impongono il divieto di feste in questo periodo di pandemia. In viale Regina Elena gli agenti hanno bloccato la festa e identificato i presenti. Per evitare che qualcuno potesse fuggire, gli agenti hanno circondato l’abitazione: si rischiano multe onerose e segnalazioni per violazione delle norme contro la diffusione del Coronavirus.

Una festa di compleanno abusiva è stata fermata dall’intervento della polizia a Torre Annunziata (Napoli). All’evento serale, vietato dalle norme contro la diffusione del Covid-19, vi erano una cinquantina di persone. Tutto organizzato nei minimi dettagli, ma alla fine a tradire il festeggiato sono stati i tanti video comparsi in Rete, soprattutto su TikTok. L’intervento delle forze dell’ordine ha bloccato il party in corso all’interno di un ristorante.

A Bronte Beach, in Australia, nel periodo natalizio tantissimi giovani si sono ritrovati senza alcun distanziamento e dispositivo di protezione individuale. Visto il pericolo dei contagi è intervenuta la polizia: nessuno è stato multato. Il ministro per l’immigrazione australiano, Alex Hawke, ha rilasciato alcune dichiarazioni molto forti dopo aver visionato i video e le immagini. “Se qualcuno è considerato un pericolo per la salute o la sicurezza pubblica può essere privato del visto ed espulso”.