Italia markets close in 3 hours 25 minutes
  • FTSE MIB

    19.153,35
    +67,40 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,37
    +0,34 (+0,85%)
     
  • BTC-EUR

    10.967,62
    +1.638,21 (+17,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,56
    +16,67 (+6,81%)
     
  • Oro

    1.917,30
    -12,20 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1827
    -0,0039 (-0,33%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.183,50
    +2,80 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,9028
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0725
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5559
    -0,0021 (-0,13%)
     

Pasta e lockdown, 1 su 4 nel mondo ne ha mangiata di più

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Nel 2020 il coronavirus non ha fermato l'amore per la pasta anzi, 1 persona su 4 ne ha aumentato il consumo durante i mesi di lockdown, scegliendola come 'piatto del cuore', buono, sano, pratico e sostenibile, proprio nel momento più difficile. Lo rileva uno studio internazionale commissionato da Unione Italiana Food e Agenzia Ice- a Doxa, che ha intervistato un campione di oltre 5mila persone in Italia, Germania, Francia, UK, Usa che rappresentano complessivamente più di un terzo del consumo mondiale di pasta e sono anche i primi mercati di riferimento per la pasta italiana, che ormai destina all’export il 60% della sua produzione. La ricerca, presentata in occasione del World Pasta Day, conferma “sul campo” un trend ormai ventennale.