Italia markets open in 8 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    33.912,44
    +151,39 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.128,05
    +80,87 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • EUR/USD

    1,0169
    -0,0089 (-0,86%)
     
  • BTC-EUR

    23.712,37
    -300,35 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,41
    -19,35 (-3,28%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • S&P 500

    4.297,14
    +16,99 (+0,40%)
     

Pasta, Scordamaglia: "non ci saranno altri aumenti ma attenzione al sottocosto che strozza filiere"

·2 minuto per la lettura

"Non mi aspetterei ulteriori aumenti piuttosto un progressivo assorbimento di aumenti oggettivi che la Grande Distribuzione deve fare evitando però speculazioni sul sottocosto, come fanno alcune catene sotto il nume tutelare dell'inflazione, che non è tanto legata all'aumento della domanda che non c'è ma a strozzature dell'offerta". E' quanto sostiene Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia, interpellato dall'Adnkronos in merito all'allarme sui rincari del grano, e dunque anche per la pasta, lanciato oggi dagli industriali del settore Divella e Felicetti.

"Il consumatore deve capire che in generale per l'alimentare cercare il prezzo sottocosto non è la scelta migliore", ovvero secondo Scordamaglia "ci deve essere una maggiore consapevolezza che nell'alimentare non si deve inseguire il sottocosto perché distrugge le filiere nazionali e porta a un prodotto qualitativamente inferiore". A questo proposito, Scordamaglia tiene a ricordare che dal 16 dicembre ci sono le nuove regole contro le pratiche sleali in grado di perseguire con pesanti sanzioni il sottocosto".

"C'è una tempesta perfetta sull'alimentare legata ad una serie di fattori, a cominciare dai costi dell'energia elettrica e del gas che rispetto all'ante covid sono aumentati del 500/600% e che incidono molto sul costo finale di produzione". Inoltre, osserva Scordamaglia "c'è anche un aumento di tutti i materiali da imballaggio: cartone, banda stagnata, vetro, film plastici (che derivano da attività energivore) che hanno avuto aumenti dal 25 al 100%" e persistono difficoltà logistiche oltre a a una carenza globale di materia prima agricola e alimentare dovuta sia a fattori climatici che per ragioni geopolitiche. "Noi abbiamo chiesto aumenti alla Gdo che ha risposto in maniera variegata e adesso c'è una consapevolezza di venire incontro almeno ad una parte di questi aumenti" riferisce il numero uno di Filiera Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli