Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.062,41
    +239,06 (+0,69%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,04
    +0,13 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    27.423,16
    -281,91 (-1,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    780,61
    -13,13 (-1,65%)
     
  • Oro

    1.801,60
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1774
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    4.411,81
    +44,33 (+1,02%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0826
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4791
    +0,0010 (+0,07%)
     

Patenti: in zone rosse sospesi esami guida fino al 21 novembre

·1 minuto per la lettura

Roma, 13 nov. (askanews) - Ad una settimana dall'ultimo DPCM, arriva un nuovo decreto del ministro Paola De Micheli col quale si sospendono fino al 21 novembre tutti gli esami di guida in Piemonte, Lombardia, Calabria e Valle D'Aosta ovvero nelle regioni che attualmente sono zone rosse. Con tale provvedimento, segnala Unasca, "le autoscuole ridurranno le proprie attività del 50%, ma non potranno accedere ad alcun contributo perché risultano comunque aperte e operative ai sensi del Dpcm e quindi escluse dal dl Ristoro". Unasca esprime quindi la sua preoccupazione "per una situazione assurda e troppo penalizzante per un settore che ha già pagato molto e che vive quotidianamente anche i ritardi delle Motorizzazioni. Inoltre in merito agli ultimi provvedimenti emanati, non sono stati ascoltati gli operatori del settore, che chiedevano almeno di non interrompere gli esami pratici per le patenti A, C e D, per i quali - trattandosi di esami per moto e autobus, non vi è la problematica del distanziamento fisico come per gli esami della patente B. Alla luce di questa situazione Unasca chiede che tutte le autoscuole, scuole nautiche con attività nelle regioni-zone rosse siano almeno inclusi tra quelle per cui sono previsti ristori". Alla preoccupazione si aggiunge anche "l'indignazione di Unasca che, dopo numerose interlocuzioni, non ha ricevuto alcuna comunicazione dal Ministero, ed ha appreso la notizia del decreto dal sito del MIT".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli