Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.387,50
    -1.187,59 (-2,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Patuanelli: da Cibus grande segnale di ripresa per agroalimentare

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - Cibus è "un grande segnale di ripresa, di ripartenza, per le aziende del mondo agricolo e alimentare del Made in Italy". Lo scrive sul proprio profilo Facebook il ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli, che oggi ha partecipato al 20esimo Salone Internazionale dell'Alimentazione a Parma.

"Nonostante il contesto emergenziale, le esportazioni agroalimentari hanno confermato il trend di crescita - ha ricordato - questo indica la grande capacità delle produzioni di qualità e certificate di promuovere lo sviluppo dell'intero territorio italiano e di fare da traino per l'accesso ai mercati globali".

"Il dovere del Governo, ora, non è soltanto garantire sostegno e stabilità alle imprese del primo settore produttivo del Paese - ha quindi aggiunto il ministro - ma progettare con loro investimenti mirati ed efficaci che vadano nella direzione della sostenibilità e dell'innovazione, salvaguardando l'unicità, la distintività e lo stretto legame con il territorio, l'alta qualità e l'elevata competitività dei nostri prodotti".

In questo senso, le misure previste nel PNRR e nella nuova Pac, insieme ai contratti di filiera e agli incentivi orizzontali di Transizione 4.0, "costituiscono un insieme di misure che vanno in questa direzione. Risorse mai viste prima che abbiamo il dovere di investire e non di spendere. Inoltre, dobbiamo proteggere e tutelare le nostre eccellenze da un sistema di etichettatura fuorviante - ha ribadito il ministro riferendosi al Nutriscore, il sistema di etichettatura a semaforo - che andrebbe a danneggiare proprio i migliori prodotti Made in Italy, causando una battuta d'arresto sui mercati esteri. Su questo ci stiamo battendo in Europa, perché i cittadini hanno il diritto ad essere informati e non condizionati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli