Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.867,01
    -166,66 (-0,49%)
     
  • Nasdaq

    14.178,50
    +138,82 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1918
    -0,0083 (-0,69%)
     
  • BTC-EUR

    31.768,15
    -1.157,07 (-3,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    938,45
    -31,43 (-3,24%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.227,27
    +3,57 (+0,08%)
     

Patuanelli: lavoriamo per mettere insieme Nutrinform e Nutriscore

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 giu. (askanews) - "E' chiaro il sostegno al nostro sistema di etichettatura, il Nutrinform Bactery, ma credo che si debbano provare a mettere insieme i pregi comunicativi del Nutriscore e quelli informativi del Nutrinform. Su questo c'è un dialogo fitto con gli altri paesi, perché la battaglia si fa a livello internazionale". Lo ha detto il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, intervenendo in Senato nella discussione sulle mozioni presentate a favore della tutela e della promozione dei prodotti agroalimentari italiani.

"In Europa, oltre ai paesi che già supportano la posizione italiana, è in corso un dialogo con Polonia, Slovenia, Croazia, ma anche Spagna e Francia. Sono dialoghi proficui e credo che la soluzione che troveremo andrà in questa direzione", ha aggiunto il ministro.

Patuanelli ha ribadito che la posizione italiana resta quella di un netto "no al percorso che porta il cibo a diventare una commodity e quindi a perdere quella distintività che caratterizza il cibo italiano, e ci porta passo dopo passo verso la produzione di cibo sintetico. Tutti insieme in Europa diremo chiaramente che questo percorso vedrà sempre la contrarietà del nostro paese".

Come già detto più volte, Patuanelli ha ribadito che il valore della dieta mediterranea "è messo in discussione da un sistema di etichettatura non informativo ma che vuole condizinae il mercato. Assegnare un colore al cibo è slegato dal reale valore nutrizionale del prodotto. E' fondamentare - riconosce il ministro - cogliere il valore comunicativo del semaforo, ma quella percezione deve essere frutto di un algoritmo che calcola in modo reale qual è la portata nutrizinale legata alla porzione di cibo che viene consumata".

Patuanelli ha quindi concluso il proprio intervento sottolineando: "credo non si debba entrare nelle abitudini alimentari dei singoli, ma credo che il vino sia vino, la carne sia carne, il latte sia latte e la confusione comunicativa non aiuta il consumatore nella scelta alimentare. Penso che almeno un ragionamento su Dop Doc e Igp vada fatto in modo chiaro. Sono contento di vedere l'intero Parlamento che riconosce il valore delle produzioni italiane".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli